Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  luoghi della cultura  ›  itinerari  ›  archeologici  ›  minerari

Minerari

Iglesias, miniera di Nebida
Iglesias, miniera di Nebida
Archeologia mineraria
La Sardegna è una terra ricca di risorse minerarie da sempre estratte e lavorate, a partire dall'ossidiana, quella pasta scura di origine vulcanica che tanto attrasse i Fenici, poi lo stagno e il rame ingredienti fondamentali per produrre la lega di bronzo, materia prima per i "bronzetti", peculiarità artistica dell'età nuragica.
Nel cuore dell'Isola tra Gadoni e Seui
Tappe: Gadoni, Seui
Nel cuore della Sardegna, a pochi passi dai territori della Barbagia, due storiche miniere conservano strutture e impianti di notevole importanza. La miniera di Corongiu a Seui e quella di Funtana Raminosa a Gadoni, con le coltivazioni di antracite e rame, rivelano quale fosse, anche nei tempi remoti, l'importanza delle risorse minerarie per le popolazioni locali.
Miniere a strapiombo sul mareMiniere a strapiombo sul mare
Tappe: Buggerru, Iglesias
Pareti a strapiombo sul mare per strutture di archeologia industriale che richiamano paesaggi dal panorama mozzafiato. Rocce calcaree aprono la vista ad un mare cristallino in cui vecchie navi attendevano il carico dei minerali. Un percorso che si snoda fra la miniera di Malfidano di Buggerru e quelle di Masua e Nebida di Iglesias.
Cantieri e città abbandonate
Tappe: Arbus, Carbonia, Guspini, Iglesias
Un percorso suggestivo alla scoperta delle vecchie strutture minerarie che raccontano di un passato fatto di sacrifici e paesaggi lunari, dove il colore della pietra lavorata si staglia nuda verso il cielo terso nei territori di Montevecchio a Guspini, Ingurtosu ad Arbus, Monteponi a Iglesias e Serbariu a Carbonia.
Patrimonio culturale della Sardegna