Luras, dolmen Billella

Luras, dolmen di Billella

Come arrivare
Da Luras si prende la strada a s. del monumento a Padre Pio che, in leggera discesa, esce dal paese. Si tiene sempre la s. ai due incroci che si incontrano sino a percorrere km 1,5 circa: il dolmen, segnalato da un cartello, si trova più in là di un muretto a secco, sulla d. della strada.

Il contesto ambientale
Il dolmen sorge sul piano roccioso nelle campagne a S del paese.

Descrizione
Presenta una camera a pianta rettangolare (m 2 x 1,70 x 1,70) alla quale si accede tramite un ingresso rivolto a NE.
Il lato di fondo e le pareti laterali sono formati da lastre ortostatiche: il lato di s. è delimitato da due massi, uno dei quali è sagomato nella faccia superiore quasi a ogiva per consentirne l'inserimento in una concavità della lastra di copertura; la parete d. è costituita, invece, da un unico ortostato rettangolare di grandi dimensioni (m 2,20 x 0,60 x 1,20).
La superficie di posa dei lastroni delle pareti laterali presenta un dislivello notevole (m 0,70), caratteristica che non sembra trovare riscontro, sino ad ora, in monumenti dello stesso tipo.
Il lastrone di copertura arrotondato (m 2,20 x 2,30 x 0,60) è appiattito nella superficie inferiore e lasciato al naturale in quella superiore.

Galleria fotografica


Storia degli studi
Il monumento è noto fin dalla metà del secolo scorso.

Bibliografia
G. Lilliu, "Scoperte e scavi di antichità fattisi in Sardegna durante gli anni 1948 e 1949", in Studi Sardi, IX, 1950, p. 439;
A. Antona, "Luras", in I Sardi: la Sardegna dal paleolitico all'età romana, a cura di E. Anati, Milano, Jaca Book, 1984, p. 278;
L. Usai, Gallura: dolmen, nuraghi, castelli. Itinerari di archeologia nella provincia di Sassari, Sassari, Editrice democratica sarda, 1991, pp. 75-77;
R. Caprara-A. Luciano-G. Maciocco, Archeologia del territorio, territorio dell'archeologia: un sistema informativo territoriale orientato sull'archeologia della regione ambientale Gallura, Sassari, Carlo Delfino, 1996, pp. 323-325.

elenco completo