Mamoiada, Mamuthone

Uscita dei Mamuthones

A Mamoiada, in occasione della festa di Sant'Antonio Abate, il 16 e 17 gennaio, fanno la loro prima apparizione pubblica i Mamuthones.
La festa cristiana, così come molte altre feste, ha origine nei riti pagani che in tempi remoti avevano valore propiziatorio per la nuova annata agraria. I festeggiamenti hanno inizio la sera del 16 gennaio, "Sa die de su Pesperu", con l'accensione e la benedizione di un grande fuoco realizzato dinanzi alla chiesa parrocchiale. Dopo l'accensione del fuoco, il rito prevede che i fedeli recitino per tre volte la preghiera del Credo girando attorno al falò. Successivamente tutti i rioni di Mamoiada accendono i propri fuochi con un tizzone attinto direttamente dal fuoco principale. Per tutta la notte e per i due giorni successivi la popolazione si raccoglie intorno ai fuochi. Ai compaesani e ai visitatori sono offerti vino e dolci tipici (popassinos biancos, popassinos nigheddos, coccones in mele e caschettas).

In questa circostanza, per la prima volta nell'anno, appaiono i Mamuthones e gli Issohadores, che visitano i vari rioni danzando intorno ai fuochi con il loro caratteristico passo cadenzato.
Le sfilate dei Mamuthones, per le quali a tutt'oggi non esiste un'interpretazione che renda conto con certezza della loro origine né del loro significato, si collocano, come dimostrano i confronti con tradizioni analoghe nel resto d'Europa e del Mediterraneo, nell'ambito dei riti stagionali di tipo agrario. Molteplici sono, infatti, le interpretazioni che spiegano il Carnevale mamoiadino. Tra queste vi è la teoria secondo la quale le maschere dei Mamuthones sembrerebbero avere significati apotropaici, alle quali ricollegare il desiderio da parte della popolazione di allontanare da sè il male, le difficoltà e le precarietà legate all'annata agraria.
La danza mamoiadina, inoltre, rappresenterebbe una scena di mandriani (gli Issohadores) che guidano gli animali (i Mamuthones), tenendoli a bada con le funi (soha), durante la transumanza dai monti alla pianura. La celebrazione del Carnevale a Mamoiada conserva aspetti cerimoniali arcaici e suggestivi legati al mistero del ciclo della vita, rinnovati dalle maschere rappresentanti il mondo umano e il mondo animale. Mamuthones e Issohadores indossano pelli di pecora, maschere lignee scure e fazzoletti sgargianti.

Consulta la scheda sul carnevale di Mamoiada

Contatti
Comune di Mamoiada
corso Vittorio Emanuele III 50, Mamoiada
tel. +39 0784 56023
fax +39 0784 56700
sito internet: www.museodellemaschere.it

Associazione turistica Pro loco Mamoiada
Mamuthones, Issohadores e gruppo di ballo
via Sardegna 13, Mamoiada
tel. +39 0784 569032 - +39 334 5940764
fax +39 0784 569032
e-mail: mamuthonesmamoiada@tiscali.it
sito internet: www.mamuthonesmamoiada.it

Associazione Culturale Atzeni - Beccoi
Mamuthones, Issohadores e gruppo di ballo
via Mannu 18, Mamoiada
tel. +39 320 1444274
sito internet: www.mamuthones.it

Visualizza tutti gli appuntamenti del giorno | Appuntamenti in vetrina
Consulta gli appuntamenti per mese