"Bunker" di Guido Guidi

Bunker

Guido Guidi, attraverso la documentazione fotografica di luoghi naturali così fortemente connotati, mette in evidenza il valore architettonico, estetico e paesaggistico dell'Atlantik Wall, inteso come un patrimonio culturale transnazionale che conserva una parte importante della memoria continentale.

Venerdì 22 giugno, alle ore 18.30, presso il "Centro Culturale Lazzaretto" di Cagliari, si inaugura la mostra fotografica di Guido Guidi intitolata "Bunker", curata da Elisabetta Villani, all'interno della collettiva d'arte contemporanea Wars or Words della Fondazione Bartoli Felter.

Tra il 1939 ed il 1945 le industrie Todt, con il sostegno della Wehrmarcht, costruirono, sotto gli ordini del III° Reich, l'Atlantikwall, una sequenza di migliaia di fortificazioni che si estendono per più di 6.000 chilometri da Capo Nord fino ai Pirenei.
Archetipi di questa grande infrastruttura militare sono le grandi linee di difesa che, dal Vallo d'Adriano, alla Muraglia Cinese, alle linee di difesa contemporanee (Maginot, Siegfried, etc.) d'un sol tratto delimitano e descrivono l'organizzazione del potere sul territorio.
Guidi, attraverso la sua ricerca intransigente, consolidata e riconoscibile, riesce a destrutturare, e a rendere pressoché invisibile, la presenza concettuale ed oggettiva di queste strutture.
Costruzioni possenti, macchine per guardare, quasi una sorta di gigantesche macchine fotografiche, oggetti per vedere e osservare, spiare e controllare. L'occhio dell’artista indaga l’immenso e il particolare insieme, visione che, attraverso le tracce, i segni di spazi così definiti, indaga le realtà simultaneamente, privandole di tempo, come sospese.
Fotografare per Guidi significa compiere una «esperienza dello spazio» che viene restituita per frammenti ricomposti in sequenze e accostamenti di immagini, all'interno di una narrazione in cui la lettura di un luogo non è mai univoca, e in questo caso non è inconsapevole dell'imbarazzante memoria che riposa in questi edifici.
La mostra è curata da Elisabetta Villani.

Costo del biglietto: 3 euro.

The Atlantic Wall Linear Museum (www.atlanticwall.polimi.it) è un progetto finanziato dalla Comunità Europea, promosso da:
- DPA-Politecnico di Milano (responsabile: Gennaro Postiglione);
- Partner Raymond Lemarie International Centre for Conservation, Katholieke Universiteit, Leuven, Belgium;
- Groupe de Recherche sur l'Architecture et les Infrastructure, Ecole d'Architecture de Versailles, France;
- Dipartimento di Urbanistica, Istituto Universitario di Architettura di Venezia, Italia.

Orario: tutti i giorni: ore 9 00 -13 00 e 17.00 - 21.00. Lunedì chiuso.

Bunker: dal 22 giugno al 12 settembre

Consulta la locandina

Contatti
Lazzaretto S.Elia
Via dei Navigatori
09126 Cagliari
tel. 070 3838085
e-mail: lazzaretto@camuweb.it

Visualizza tutti gli appuntamenti del giorno | Appuntamenti in vetrina
Consulta gli appuntamenti per mese