Seui, S’Omu e sa maja

Seui, S’Omu de sa maja

Tipologia: Storia e antropologia
Informazioni
Indirizzo: via della Sapienza, s.n.c. - 09064 Seui
Tel. +39 0782 539002
Ente titolare: Comune di Seui
Ente gestore: Società cooperativa S'eremigu
Orari:
Ottobre-Marzo
MA-DO 09:00-13:00 e 15:30-17:30
Aprile-Settembre
MA-DO 09:30-13:00 e 15:30-19:30
Biglietto:
Intero - euro 5,00 - adulti, dai 18 ai 65 anni
Ridotto - euro 4,00 - gruppi oltre 20 persone
Ridotto - euro 3,50 - classi scolastiche e gruppi di adulti oltre 65 anni
Ridotto - euro 1,00 - minori in età scolare accompagnati dai genitori, disabili e invalidi civili
Gratuito - minori in età prescolare, docenti accompagnatori di scolaresche
È prevista una gratuità ogni 20 visitatori in gruppo. I singoli biglietti garantiscono l'accesso a tutte le strutture del percorso museale di Seui, o a parte di esse, sulla base delle preferenze del visitatore. La sede della biglietteria si trova a Seui, nella Palazzina Liberty, in via Roma n. 241
E-mail: eremigu@tiscali.it
Sito web: museiseui.altervista.org
Facebook: www.facebook.com/Musei-di-Seui

Il museo
S'omu de sa maja, un edificio storicamente databile alla fine del 1600, ospita le collezioni relative al mondo magico religioso e alle tradizioni pre-cristiane della Barbagia di Seulo.
Tutto l'allestimento museale ruota intorno alla figura storica della strega Catalina Lay di Seui, processata con l'autodafé innanzi al giudice inquisitore di Sassari nel 1583, ed al suo tragico destino.
La sala delle maschere tradizionali: Sa Mamulada ed il suo opposto Su Santrecoru, documenta i residui di falloforie in Sardegna, che riprendono il culto della fertilità già espresso nel miti greco-romani.
Le stanze superiori sono dedicate all'iconografia del ciclo della vita e morte, partendo dal mito delle parche (intente a filare, tessere e recidere il filo del destino), ed introducono alla sala funebre, allestita con un letto, al cui capezzale le prefiche intonano "Is Attittidusi" (canti funebri della tradizione sarda).
Il piano terra del museo, separato dal resto della casa, è saltuariamente adibito ad attività laboratoriali o espositive in alcuni periodi dell'anno.

Perché è importante visitarlo
Un viaggio nella storia della Sardegna cinquecentesca dell’inquisizione, attraverso la ricostruzione della tragica vita di Catalina Lay, una levatrice di Seui ("maista 'e partu"), arrestata per stregoneria e processata a Sassari nel 1593.
Un viaggio nell’oscuro mondo delle antiche superstizioni e delle formule magico religiose che accompagnavano i medicamenti naturali, insieme ai riti propiziatori che precedevano e seguivano il parto.

Servizi
Accessibilità fisica facilitata per visitatori con esigenze specifiche, visite guidate (su prenotazione), bookshop, percorso didattico per scolaresche.
Oltre alla visita di tutte le strutture che compongono il “Polo Museale e Monumentale Sehuiense”, è possibile prenotare escursioni nella foresta di Montarbu, oasi naturalistica di riproduzione faunistica.

Consulta le pagine
Carcere spagnolo
Casa Farci
Galleria Civica
Palazzina Liberty

Vedi su mappa