Basco

La lingua basca rappresenta un caso unico nel panorama delle lingue minoritarie europee e non solo. Non è infatti una lingua di ceppo indoeuropeo, e neppure neolatina.

Si tratta invece di un idioma antichissimo, di quelli che esistevano in Europa prima dell'invasione dei popoli indoeuropei e, di conseguenza, prima della romanizzazione di vaste plaghe dell'Europa.

Nonostante ciò, l'euskera (così i baschi denominano la loro lingua) ha rischiato seriamente di scomparire per effetto delle politiche repressive dello Stato spagnolo, in particolare durante il regime franchista.

Negli ultimi decenni anche la lingua basca, assieme all'autonomia della regione, ha potuto trovare nuova linfa e nuovo sostegno. Oltre che nei Paesi baschi propriamente detti, il basco è diffuso nella zona al nord di Navarra e nell'estremo sud-ovest francese (Paese basco francese).

La lingua viene denominata "euskera" (o "euskera Batua") sulla base del bisogno di armonizzare i nuovi dialetti sotto un sistema di norme linguistiche per agevolare l'insegnamento della lingua negli istituti di istruzione.