San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

Festa di antiche tradizioni, si celebra in tantissimi paesi dell'isola con riti legati alla ricerca delle erbe, all'accensione dei fuochi e al rito del comparatico. Il 24 giugno in tutta Italia e in Europa si festeggia San Giovanni Battista, che vanta un culto che ha profonde radici nei riti pagani del solstizio d'estate.
Festa di antiche tradizioni, si celebra in tantissimi paesi dell'isola con riti legati alla ricerca delle erbe, all'accensione dei fuochi e al rito del comparatico.

Il 24 giugno in tutta Italia e in Europa si festeggia San Giovanni Battista, che vanta un culto che ha profonde radici nei riti pagani del solstizio d'estate, uniti da un forte vincolo con le credenze religiose della fede cristiana. Infatti il 24 giugno rappresenta il giorno della natività di San Giovanni ed è anche il giorno più lungo dell'anno. La festa di San Giovanni cade nei giorni solstiziali, quando secondo antiche tradizioni, il sole si sposa con la luna, dando vita ad energie benefiche che si manifestano sulla terra e su alcuni dei suoi elementi: le acque, le erbe, i frutti, gli animali e anche sugli uomini. Nella tradizione della festa di San Giovanni tanti sono i riti legati a questi elementi. Riti che col tempo hanno assunto un significato ben definito e che hanno assunto a seconda del luogo tradizioni radicate e fortemente sentite.

Tantissimi in Sardegna sono i paesi che celebrano San Giovanni Battista. Per citarne alcuni, Bosa, Dorgali, Escalaplano, Fonni, Gavoi, Seui, Calasetta, Isili e Oiena. Ogni paese rende la sua celebrazione unica con varianti specifiche che si adattano alle caratteristiche tradizionali del proprio territorio.

La festa di San Giovanni e l'arrivo dei primi venti caldi segnano l'arrivo della stagione estiva. Diversi sono i riti che si accompagnano alle tradizionali celebrazioni eucaristiche e fortemente sentite sono le suddivisioni tra uomini e donne riguardo i compiti assegnati. Gli uomini provvedono alla preparazione della legna per i falò, mentre le donne si adoperano nella preparazione dei dolci fatti in casa. Preparano i doni da scambiarsi al momento del rito del comparatico, imbottigliano i vini e confezionano i simboli misteriosi delle pratiche divinatorie che si svolgono durante le celebrazioni.