Arzachena, tomba di giganti di Li Lolghi

Arzachena, Tomba di giganti di Li Lolghi

Tipologia: Tomba di giganti

Informazioni
Indirizzo: SP 115 per Luogosanto, km 45 - 07021 Arzachena - località M.Giu di Li Lolghi
Tel. +39 0789 83401
Cell. +39 345 7200380 - +39 345 7200094
Ente gestore: Ge.Se.Co. Arzachena S.r.l. unipersonale
Orari:
invernale
MA-DO 10:00-16:00
estivo
LU-DO 09:00-20:00
Biglietto:
Intero - euro 4,00 - adulti
Ridotto - euro 3,00 - gruppi oltre 20 persone
Cumulativo intero - euro 7,00 - adulti
Cumulativo ridotto - euro 6,00 - gruppi oltre 20 persone
La Tomba dei Giganti Li Lolghi è visitabile solo su prenotazione. L'ingresso è gratuito ai residenti e ai minori sino ai 12 anni. I biglietti cumulativi di euro 7,00 ed euro 6,00 comprendono la visita a due dei sette siti costituenti il Parco Archeologico di Arzachena. È possibile acquistare un biglietto cumulativo, con varie combinazioni, per la visita di tutti i sette i siti, sino ad un massimo di euro 20,00 per quello intero ed euro 17,00 per quello ridotto. Per ulteriori informazioni si veda il sito: https://www.gesecoarzachena.it.
E-mail: archeologia@gesecoarzachena.it
Sito web: https://www.gesecoarzachena.it/

Il contesto ambientale
La tomba è situata nell'entroterra gallurese, a circa 10 km dal golfo di Arzachena. Sorge in posizione leggermente rialzata in un dolce paesaggio collinare ricoperto da macchia mediterranea.

Descrizione
Ottimamente conservata ed eccezionalmente lunga (circa m 27), è costruita in granito ed è orientata N/NO-S/SE, con ingresso a S/SE.
La facciata è costituita da un'ampia esedra che delimita lo spazio semicircolare dove si svolgevano i riti funebri. La compongono 15 lastroni infissi verticalmente, di altezza crescente dai lati verso il centro, dove campeggia l'accuratissima stele centinata, alta m 3,75, con terminazione arcuata e portellino alla base (largh. m 0,40-0,50; h m 0,50-0,60). Il profilo perimetrale della stele è decorato da una cornice in rilievo, mentre lo specchio è diviso in due parti da un listello trasversale.
Dietro il portale si sviluppa il corridoio sepolcrale, contenuto entro un corpo costruttivo absidato che, nella sua integrità originaria, doveva avere la forma di una chiglia di nave rovesciata. Il corridoio, originariamente coperto a piattabanda, è lungo m 9,60 e largo circa m 1; è foderato con lastre infisse a coltello e muratura a secco. Nella parete di fondo del vano un lastrone posto orizzontalmente determina una suddivisione in due piani, una sorta di edicola per la deposizione di offerte o forse di immagini tutelari.
Posteriormente, ad un livello innalzato di m 0,80, è collocata una cista domenica rettangolare, lunga m 3,70 e larga m 0,95, con piano pavimentale lastricato delimitato da lastre ortostatiche. La cista, più antica rispetto al resto dell'impianto, doveva essere ricoperta in origine da un tumulo di terra e pietrisco del quale si conserva il peristalite di contenimento, di forma ellissoidale, visibile nella parte posteriore della tomba.
Il monumento presenta dunque due fasi costruttive e di utilizzo. La prima fase è costituita dalla cista dolmenica ed è riferibile alla cultura di Bonnanaro, Bronzo antico, XVIII-XVII sec. a.C., come dimostrano i reperti al suo interno (una cuspide di lancia, tazze e piccoli vasi inornati a peducci). La seconda fase, che vide l'impianto dell'intero corpo absidato e dell'esedra, e che inglobò la cista domenica e l'intera struttura in un unico tumulo, è invece databile al XVI sec. a.C., Bronzo medio, il periodo più antico della civiltà nuragica. Vi si riferiscono olle, ciotole, tegami e vasi con nervature triangolari verticali, nonché un pugnale a lama bicostolata rinvenuti durante gli scavi.
Il monumento fu utilizzato ancora nella tarda Età del bronzo (XIII-X sec. a.C.).

Servizi
Accessibilità fisica facilitata per visitatori con esigenze specifiche, bookshop, visite guidate, Wi-Fi.
Le visite guidate sono incluse nel costo del biglietto su prenotazione o chiedendo in biglietteria gli orari di partenza.

Consulta le pagine
Arzachena, circoli di Li Muri
Arzachena, nuraghe Albucciu
Arzachena, nuraghe La Prisciona
Arzachena, tempio di Malchittu
Arzachena, tomba di giganti di Coddu Vecchiu

Consulta i documenti
La bella età dei giganti di pietra
Pianta e sezioni del monumento

Storia degli scavi
Fu saggiata nel 1959 da Delia Lollini e scavata a fondo nel 1965 da Editta Castaldi. È tra le più belle e celebri tombe di giganti della Sardegna.

Bibliografia
E.Castaldi, "Tombe di giganti nel Sassarese", in Origini, III, 1969, pp. 120-132, 157-164, 192-198;
E. Castaldi, Arzachena. Monumenti archeologici. Breve itinerario, Sassari, Carlo Delfino, 1984.

Galleria fotografica


Come arrivare
Da Arzachena si imbocca la SP 115 per Bassacutena. Percorsi 4,5 km si prende un bivio a s., da percorrere per circa 2 km, e si giunge alla tomba.

Vedi su mappa