A Lula tornano le maschere del Carnevale tradizionale

Si rinnova anche quest'anno l'appuntamento con il Carnevale lulese, le cui rappresentazioni sono riprese nel 2001 in un clima teso alla valorizzazione delle antiche maschere sarde e di spiccato interesse scientifico e antropologico verso la maschera locale. Le origini risalgono ai riti agrari arcaici di fecondazione della terra con il sangue, come quelle di altri carnevali barbaricini.

Nel pomeriggio di sabato 14 febbraio avrà luogo lungo le vie del centro di Lula il corteo di cui sono protagoniste le maschere tradizionali. Su Battileddu, la vittima, indossa pelli di pecora o montone, un copricapo con corna caprine e i "marrazzos" (campanacci) sul petto, il volto sporco di fuliggine e di sangue. Il protagonista viene accompagnato nel suo percorso di morte e rinascita dai Battileddos Gattias, uomini travestiti da vedove che cullano una bambola di pezza mentre intonano "sos attitos", e da sos Battileddos Massajos, che legano la vittima e la percuotono, strattonandola e trascinandola, fino a farla morire.

Per informazioni su evento e territorio e programmi, contattare il Contact Center Bes 800 88 11 88.

Consulta la sezione Carnevale di Lula

elenco completo