Il futuro del teatro: se ne parla a convegno al festival Ogliatrateatro

Un momento di confronto sul futuro del teatro contemporaneo, in crisi di identità e di credibilità. E’ stato presentato questa mattina all’Eti (Ente Teatrale Italiano) il convegno internazionale “Il teatro che ho in testa. Per un festival di teatro da sogno”, in programma l’8 e il 9 agosto prossimi in Sardegna (a Jerzu e Ulassai in provincia dell’Ogliastra) nell’ambito di Ogliastra Teatro - Festival dei Tacchi. All’iniziativa, promossa da Cada die teatro, dal Progetto Bes – Best Events Sardinia (POR 2000-2006) per la promozione degli eventi culturali dell’isola e dall’Ater, Associazione dei teatri dell’Emilia Romagna, parteciperanno direttori di festival e di fondazioni (dal Teatro Regio di Parma alla Fondazione Teatro di Pisa), giornalisti e attori, docenti ed economisti.
Tra questi sono attesi anche ospiti internazionali come Francisco Ortuno Millàn, direttore artistico del CAT di Siviglia, Paola Tripoli del Teatro Pan di Lugano o Jean Francois Perrone del festival “Scen’e sonniu” di Pontovecchio (Corsica). La scelta di Teatro Ogliastra (festival in corso dal 2 al 10 agosto) come contesto naturale per il convegno non è casuale. Il festival propone da anni produzioni teatrali originali in luoghi insoliti, dalle grotte ai boschi, nella cornice dei “tacchi” d’Ogliastra (caratteristiche formazioni calcaree a forma di tacco).
“I festival sono morti perché ridotti a puri eventi e inutili vetrine – ha detto Giancarlo Biffi, direttore artistico di Ogliastra Teatro – hanno perso credibilità come luoghi di incontro tra una comunità e l’ambiente”.
“Saremo presenti al convegno perché consideriamo la Sardegna una regione importante per il teatro italiano – ha sostenuto Giuseppe Ferrazza, Presidente dell’Eti – e questo festival uno spazio dove ambiente e teatro si incontrano”.
“Collaboriamo da alcuni anni con molte realtà tra cui Ogliastra Teatro – ha continuato Maurizio Roi, Presidente dell’Ater, capofila del progetto Bes – era necessario un momento di confronto sul teatro, non solo sui suoi problemi politici ma anche sul suo ruolo nella società”.

elenco completo