Maschere e miti in mostra a Mamoiada

La maschera e i miti attraverso le immagini. Si inaugura domani al Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoiada (ore 17) “The Villasor factory”, la mostra fotografica di Salvatore Ligios e le maschere teatrali del regista Giampietro Orrù. L’esposizione è organizzata in collaborazione con il Comune di Mamoiada, il Museo delle Maschere Mediterranee, la Compagnia teatrale Fueddu e Gestu, la società Palacomposita e la Soter editrice.


Sembrerebbe un esplicito omaggio alla factory di Andy Warhol, ma Salvatore Ligios, con questa nuova produzione di immagini punta l'obiettivo sulla cultura contemporanea della Sardegna e prova a scandagliare la percezione del mito ancora così presente e viva nell'isola. Complice, forse, l'interesse di un numero sempre crescente di persone e di turisti che scoprono e consumano tutte le tradizioni e le mitologie locali, non importa se vere o inventate.

Prendendo a prestito un "laboratorio creativo locale", ovvero la compagnia teatrale Fueddu 'e Gestu di Villasor che, a questa indagine nel mondo della creazione e dell'onirico presta corpo e storie. In questo modo le maschere, oggetti di scena creati dal regista Gianpietro Orrù e da sempre passione del fotografo, diventano espediente per vagare attraverso le zone di confine che separano il presente dal passato, l'umano dal ferino. Un viaggio composto da scatti in bianco e nero che, partendo dal retrobottega di una "fabbrica di storie" si estende a considerazioni dal respiro universale continuando l'indagine, già presente nel percorso linguistico di Ligios, sul tema dell'identità. Inoltre nell'esposizione allestita presso il Museo di Mamoiada sono visibili 10 maschere originali costruite dal regista Giampietro Orrù per diversi spettacoli teatrali.

L’inaugurazione sarà preceduta dagli interventi di Graziano Deiana sindaco di Mamoiada, di Mario Paffi direttore del Museo delle Maschere Mediterranee, di Paolo PIquereddu direttore dell'ISRE, dei fotografi Pablo Volta e Salvatore Ligios, di Giampietro Orrù regista della Compagnia teatrale Fueddu e Gestu. La mostra rimarrà aperta sino al 24 marzo 2008 e potrà essere visitata tutti i giorni, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 (lunedì chiuso). L’ingresso è gratuito.


Consulta la sezione carnevale di Mamoiada

elenco completo