Sos printzìpios de s'architetura in Sardigna

Cun s’allega "architetura" si depet indicare "s'impare de sos cambiamentos e de sas alteratziones introduidas subra sa terra, pro sas netzessidades umanas, fatu francu su desertu".

Giovanni Marghinotti, Festa campestre in Sardegna, 1861

Varietà campidanesi

Ogni classificazione è sempre arbitraria, ma in Sardegna all'interno dei dialetti propriamente sardi la prima e fondamentale divisione riguarda lo spazio linguistico settentrionale, in cui è parlato il logudorese, e quello meridionale, in cui è parlato il campidanese.

Oristano, chiesa di San Francesco

Architettura neoclassica

Il processo di allineamento alle mode dominanti negli ambienti della cultura artistica italiana si intensifica nel XIX secolo con l'opera di architetti nativi dell'isola ma formatisi a Torino, al corrente delle forme neoclassiche che andavano diffondendosi in Europa. In particolare il soggiorno della corte sabauda a Cagliari determinò l'orientamento del gusto verso le nuove tendenze.

Su ballu tundu

Su documentàriu antropològicu

Dae sa fine de sa gherra cumentzat a si fàghere logu unu tzìnema documentàriu prus atentu a sos aspetos antropològicos. E cumparint sos primos autores sardos comente Enrico Costa e, mescamente, Fiorenzo Serra chi cun un'atividade filmogràfica de importu, brinchende s'impostatzione folclòrica, realizat "L'ultimo pugno di terra".