Carnevale di Gavoi, maschere tradizionali

Carnevale in Sardegna

Il carnevale in Sardegna ha mille volti affascinanti. Quello antico dei suggestivi carnevali barbaricini che - con le loro ancestrali maschere antropomorfe e zoomorfe, le vesti di pelli di capra, orbace e campanacci – rievocano riti misteriosi, danze propiziatorie e un rapporto stretto tra uomo e animale. Quello vibrante dei carnevali a cavallo, come quello di Oristano ("Sa Sartiglia"), durante il quale i cavalieri devono infilare in corsa una stella di metallo, auspicio di buon raccolto, e quello di Santulussurgiu ("Sa Carrela 'e nanti") nei quali i cavalieri mostrano il loro valore, coraggio e abilità, sfidandosi in corse temerarie per il centro cittadino. Oppure quello irriverente di Tempio con il fantoccio di Re Giorgio processato e bruciato in piazza, senza dimenticare la simbologia dei travestimenti di Bosa.

Galleria fotografica

Carnevale di Gavoi

Carnevale gavoese

Ha inizio il giovedì grasso, "jobia lardajola", con "sa sortilla 'e tumbarinos", il raduno dei tamburini.

Carnevale di Olzai

Carnevale olzaese

Ha la particolarità di proseguire oltre la tradizionale data di chiusura delle feste carnascialesche.

Carnevale di Sarule

Carnevale di Sarule

La "Maschera a Gattu" perpetua simbolicamente i riti agrari di morte e rinascita della natura.