La storia dell’uomo in Sardegna

La mostra “La storia dell’uomo in Sardegna” rappresenta un'assoluta novità nel campo della didattica sperimentale rivolta alle scuole. Propone un percorso espositivo ricco di originalità e sorprese. Diverse esperienze avvicinano all'archeologia e alla storia della Sardegna, approfondendo temi e aspetti legati alla vita e alle conoscenze degli uomini antichi.

La mostra è suddivisa in tre sezioni.
Sezione Evoluzione dell’uomo. Sono raccontati i primi passi e le scoperte più importanti che hanno cambiato il corso della storia.
Sezione preistoria. Si affronta il tema delle culture e si illustrano i più importanti manufatti realizzati in questo periodo. Le tombe a pozzetto di Cuccuru S’arriu, le domus de janas semplici e complesse, i menhir, i dolmen, l’altare a “ziggurat” di Monte D’Accoddi, la ceramica e gli oggetti d’uso.
Sezione Civiltà Nuragica. È il monumento più importante della archeologia sarda. Nuraghi, tombe dei giganti, villaggi, templi a pozzo e fonti sacre caratterizzano tutti i territori dell’Isola. Affianco troviamo ceramiche, oggetti della vita di tutti i giorni e i misteriosi bronzetti votivi.

L’allestimento si compone di un centinaio tra oggetti riprodotti a grandezza naturale e modellini in scala, la maggior parte apribili, di situazioni e manufatti visitabili in tutte le regioni dell’Isola. I pezzi sono sistemati all’interno di alcuni diorami ricostruttivi a grandezza naturale che servono per cogliere la funzione degli oggetti esposti e recuperati durante gli scavi. Arricchiscono la mostra postazioni multimediali con proiezione di immagini e video ricostruttivi.

Modalità della visita
La mostra non gode di contributi pubblici ma è stata realizzata con il lavoro e
il finanziamento fornito dalla Multiprojects Sas di Lanusei. I locali dove si svolge l’evento sono stati messi a disposizione dal Cnos-Fap Salesiani Sardegna in accordo con il proprietario dello stabile la Curia Vescovile di Lanusei.
Vista la particolarità dell’evento, si è scelto di far pagare ai visitatori un ticket di ingresso del valore di € 3,00 ciascuno. Detta somma contribuirà ad abbattere le spese di organizzazione e gestione dell’evento e a consentire la presenza di un archeologo esperto che farà da guida ai gruppi di scolaresche.
Per le condizioni su esposte si è scelto di aprire la mostra solo su appuntamento e dopo prenotazione. I gruppi che visiteranno la mostra dovranno essere costituiti da almeno 10 individui e fino ad un massimo di 20/25 soggetti.
La visita durerà circa 1 ora e mezza. Al termine dell’incontro verrà consegnato ai formatori un cd-rom contenente documentazione (testi e foto) relativi alla storia e archeologia della Sardegna.

Esposizione: dal 20 aprile al 10 giugno 2009
Sede Espositiva: Palazzo Cnos-Fap (Ex Tabacchificio) - Viale M. Virgilio, 108 Tortoli
Orari di apertura: solo su prenotazione, in tempi e modi da concordare
Biglietto di ingresso: 3,00 € a studente; gratuito per gli accompagnatori
Modalità Visita: Visita guidata con archeologo esperto.
L’ideale sarebbe lavorare con un singolo gruppo classe. Un numero eccessivo di individui avrebbe difficoltà a muoversi negli ambienti compromettendo così la buona riuscita della esperienza. Ovviamente per ragioni di tempo e organizzazione sarà possibile lavorare anche con gruppi più numerosi.

Consulta la locandina

Contatti
Associazione Culturale Musas
Viale Don Bosco, 47 - 08048 Lanusei (Og)
tel. +39 393 9895208
e-mail: info@musas.it
Sito web: www.musas.it

Visualizza tutti gli appuntamenti del giorno - Mostre | Appuntamenti in vetrina - Mostre
Consulta gli appuntamenti per mese - Mostre