Sardegna Cultura
Logo Regione Autonoma della Sardegna

Cagliari, Museo del Santuario di Nostra Signora di Bonaria

Museo del Santuario di Nostra Signora di Bonaria
Museo del Santuario di Nostra Signora di Bonaria
Informazioni
Indirizzo: piazza Bonaria, 2 - 09125 Cagliari
Tel. +39 070 301747
Ente titolare: Arcidiocesi di Cagliari
Ente gestore: Vice Provincia Sarda dell'Ordine della Mercede
Orari:
LU-DO 09:00-12:00 e 17:00-19:00
Il museo apre anche nei giorni festivi.
Biglietto: a offerta libera
E-mail: bonaria@mercede.org
Sito web: www.bonaria.eu/category/storia-di-bonaria/museo
Facebook: www.facebook.com/santuariobonaria

Il museo
Il museo è situato negli spazi attigui al Santuario di Nostra Signora di Bonaria, sul colle omonimo, in un edificio di origine aragonese e sede dell'ordine dei Mercedari, noti soprattutto per l'impegno profuso nei secoli in favore della liberazione degli schiavi. Il percorso museale, si articola su tre sale e un corridoio che abbraccia il chiostro sottostante. Il Santuario, invece, deve la sua notorietà al simulacro ligneo della Madonna approdato sulla spiaggia antistante nel 1370, ed al conseguente affermarsi di un forte culto della Vergine quale protettrice dei naviganti. II cimeli raccolti sono, in larga parte, ex voto di scampati al naufragio o alla schiavitù, tuttavia non mancano offerte di sovrani e di gente dal nome illustre come per esempio, le corone d’oro offerte, nel febbraio 1816, da Vittorio Emanuele I e da Maria Teresa. Paramenti, ostensori, calici e reliquari preziosi, dono di principi e prelati, si infittiscono nelle vetrine. Dall'alto di una parete luccica la grossa ancora d’argento offerta dalla Regina Margherita di Savoia.

Perché è importante visitarlo
Nel Santuario della Vergine, patrona dei naviganti, gli ex-voto più numerosi sono proprio quelli marinari e, primi fra tutti, i modellini di vascelli. Come raccolta di modellistica navale, il Museo di Bonaria è di un’importanza davvero eccezionale per la rarità di taluni pezzi.

Servizi
Visite guidate.
© 2018  Regione Autonoma della Sardegna