Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  argomenti  ›  feste  ›  religiose

Feste religiose

Ardia di San CostantinoArdia
Il 6 e 7 luglio in diversi paesi della Sardegna, come Sedilo, Pozzomaggiore e Samugheo, si svolge una corsa rituale a cavallo dedicata a San Costantino: l'Ardia. Grandi folle si accalcano lungo questi percorsi per ammirare la bravura e il coraggio dei cavalieri.
Beato Nicola da Gesturi
Viene festeggiato a Cagliari l'8 giugno ed a Gesturi la prima domenica di agosto con numerose manifestazioni religiose che testimoniano la devozione popolare rivolta verso l'umile fraticello proclamato beato nel 1999, ma venerato sin da quando era in vita.
La corsa degli ScalziCorsa degli Scalzi
Ha luogo a Cabras il primo fine settimana di settembre. Il sabato mattina, all'alba, il simulacro ligneo di San Salvatore viene trasportato dalla parrocchia di Santa Maria Assunta, nel centro abitato di Cabras, fino alla chiesetta di San Giovanni di Sinis, nella penisola omonima.
Dorgali, fuoco di Sant'Antonio AbateFuoco di Sant'Antonio Abate a Dorgali
La notte del 16 gennaio Dorgali si illumina, come avviene anche in altri centri dell'isola quali Aritzo, Bolotana, Bosa, Desulo, Budoni ad Escalaplano, Nuoro ed Ussassai e in tanti altri paesi ancora. A rischiararne l'oscurità è l'imponente falò acceso in onore di Sant'Antonio Abate.
Ritrovo in piazza Castello di tutti i gremiI Candelieri
Il 14 agosto si celebra a Sassari la solenne festa dei Candelieri. Si tratta di una processione devozionale, durante la quale nove imponenti ceri lignei vengono trasportati da piazza Castello alla chiesa di Santa Maria di Betlem, nel cui altare vengono deposti per ricevere la benedizione.
Alghero, panoramaIl canto della Sibilla
La notte di Natale nella Cattedrale di Alghero si rinnova l'esecuzione di un canto medievale detto "Signum Judicii" o "Señal del Judici", noto anche come "canto della Sibilla", che testimonia i profondi legami fra la città e la Catalogna. Si tratta di un antico canto in lingua catalana.
San Nicolò d'Arcidano, statua dell'AssuntaL'Assunta
Sono oltre cento le feste celebrate in Sardegna il 15 agosto in onore della Madonna Assunta e ben diciotto le parrocchie a Lei dedicate. Il suo culto arrivò nell'isola con i bizantini, quando, nei tempi successivi al crollo dell'impero romano, la Sardegna passò sotto il controllo di Costantinopoli.
Fonni, la festa dei Martiri (prima metà XX sec.)Madonna dei Martiri di Fonni
La festa dei Martiri di Fonni (Sa festa de sos martires) si svolge ogni anno la prima domenica di giugno presso la basilica della Madonna dei Martiri. L'organizzazione della festa, che affonda le sue radici nel XVII secolo, viene tramandata di padre in figlio, nell'ambito di due rami della famiglia Mureddu.
Bosa, chiesa della Madonna del CarmineMadonna del Carmine o del Carmelo
La Madonna del Carmine viene festeggiata in diverse località della Sardegna, tra le quali ricordiamo Cagliari, Bosa, Seui, Desulo, Pattada, Teulada, Elini, Ardauli. Tra le chiese dedicate alla Madonna del Carmelo merita una menzione particolare la chiesa di Nostra Signora del Carmelo a Bosa, risalente alla metà del 1700.
Un momento della cerimonia subacqueaMadonna del Naufrago
La festa dedicata alla celebrazione della Madonna del Naufrago si svolge a Villasimius il 17 luglio. L'evento cardine dei festeggiamenti è rappresentato dalla processione che, partendo dalla chiesa parrocchiale di San Raffaele, arriva prima al porto per poi approdare all'Isola dei Cavoli.
1-10 di 53
Patrimonio culturale della Sardegna