Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  argomenti  ›  fotografia  ›  i grandi fotografi

I grandi fotografi

 
info
Guido Costa. Desulo, Giovane donna al telaio
Andreas Fridolin Weis Bentzon
L'etnomusicologo Andreas Fridolin Weis Bentzon, nato a Copenaghen nel 1936 e morto nella stessa città nel 1971, a soli trentacinque anni, realizzò fotografie nel corso delle diverse campagne di ricerca condotte durante i suoi lunghi soggiorni scientifici effettuati in Sardegna, dal 1953 al 1969.
Édouard Delessert
Di famiglia agiata, letterato e romanziere, Édouard Delessert (Parigi, 1828-1898) viaggiò a lungo in Oriente, e non mancò di documentare i suoi soggiorni in altrettanti diari di viaggio.
Carlo Bavagnoli
Carlo Bavagnoli nasce a Piacenza nel 1932. Completati gli studi classici, nel 1951 si iscrive alla facoltà di giurisprudenza di Milano. A Brera ha modo di confrontarsi con alcuni giovani fotografi, Alfa Castaldi, Mario Dondero e Ugo Mulas. Nel 1955, trasferitosi definitivamente a Milano, inizia a collaborare con "Illustrazione Italiana", "Tempo illustrato" e "Cinema Nuovo".
Giulio Pili
Il fotografo dilettante Giulio Pili, nato a Monastir nel 1872 e morto a Dolianova nel 1950, era un facoltoso commerciante che operava a Cagliari dove possedeva un'avviata armeria. Le sue fotografie sono state eseguite nel sud Sardegna tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento.
Guido Costa
Il fotografo Guido Costa nacque a Sassari nel 1871 e visse a Cagliari, dove morì nel 1951. Cresciuto in una famiglia di vasti interessi culturali, esercitava la professione di insegnante di inglese, ma era anche giornalista pubblicista e appassionato di fotografia, che praticava da dilettante ma con ottimi risultati.
Henri Cartier-Bresson
Di origini alto-borghesi, Henri Cartier-Bresson (Chanteloup, 1908 – Montjustin, 2004) si avvicina giovanissimo all'arte, frequentando l'atelier del pittore Jacques-Emile Blanche dove entra in contatto con gli ambienti del surrealismo. Tra il '27 e il '28 è allievo di André Lhote, pittore e teorico del cubismo.
Kryn Taconis
Nei primi anni Quaranta, dopo una breve parentesi come cineoperatore, Kryn Taconis (Rotterdam 1918 – Toronto 1979) inizia ad occuparsi di fotografia, prima come allievo di Paul Guermonprez e poi come tecnico di camera oscura ad Amsterdam.
Mario De Biasi
Mario De Biasi nasce a Sois, nei pressi di Belluno, nel 1923. Deportato in Germania durante la seconda guerra mondiale, inizia a fotografare a Norimberga nel 1944 con un'attrezzatura di fortuna rinvenuta tra le macerie della città. Rientrato in Italia, si trasferisce giovanissimo a Milano. Frequenta con successo il "Circolo Fotografico Milanese" e nel 1948 organizza la prima mostra personale.
Pablo Volta
Al termine della seconda guerra mondiale, che lo aveva visto partigiano a fianco degli Americani, Pablo Volta (Buenos Aires 1926) raggiunge per qualche mese il padre giornalista a Berlino. Qui acquista una macchina fotografica ed esegue i suoi primi scatti, immortalando la città completamente devastata dai bombardamenti.
Vittorio Besso
Il biellese Vittorio Besso (1828-1895), dopo aver studiato pittura a Grenoble, intorno al 1850 rientra nella sua città natale, dove apprende i primi rudimenti di fotografia dall'amico Giuseppe Venanzio Sella.
Werner Bischof
Werner Bischof nasce nell'aprile del 1916 a Zurigo. Nel 1934 si iscrive alla scuola di arti applicate di Zurigo dove frequenta il corso di fotografia tenuto da Hans Fisler. Specializzatosi nello still-life avvia un laboratorio di fotografia e grafica per manifesti e riviste. A partire dal 1945, collabora con le principali testate internazionali per le quali realizza alcuni importanti reportage nell'Europa martoriata dalla guerra. Nel 1954, a soli trentotto anni, perde la vita in un incidente automobilistico sulla Cordigliera delle Ande.
Wolfgang Suschitzky
Il fotografo Wolfgang Suschitzky è nato nel 1912 a Vienna, da famiglia ebrea. Il padre, editore progressista e autorevole esponente socialista, creò nel 1901 la prima libreria socialista.
Patrimonio culturale della Sardegna