Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  periodi storici  ›  regno di sardegna  ›  monumenti

Schede Monumenti

Chiese barocche
Agli inizi del Seicento prende avvio, anche in Sardegna, il processo di assimilazione delle tendenze artistiche barocche, importate dai padri della Compagnia di Gesù e dagli ingegneri militari giunti nell'isola per la realizzazione di opere di fortificazione. La cosiddetta "invenzione dei corpi santi", cioè il ritrovamento delle reliquie dei martiri, determinò l'adeguamento barocco delle tradizionali sedi di culto e la ristrutturazione delle rispettive cattedrali.
Chiese neoclassiche
Con il termine "neoclassicismo" si indica la corrente artistica che, fra la metà del Settecento e i primi decenni dell'Ottocento, si ispira ai modelli classici dell'arte greca e romana e ne recupera i caratteri di equilibrio, semplicità e armonia. L'architettura neoclassica, si sviluppa come reazione al barocco, valorizzando gli edifici pubblici con strutture che si impongono per nobiltà e grandiosità.
Chiese tardobarocche
Nel 1718, con il definitivo passaggio della Sardegna ai Savoia, si assiste, dal punto di vista architettonico, all'adesione al linguaggio tardobarocco, utilizzato ed espresso, sino alla fine del secolo, in una serie di chiese dove gli elementi di tradizione locale vengono coniugati con i modi del manierismo cinquecentesco e del barocco seicentesco.
Città di fondazione sabauda
Nel XVIII secolo la monarchia sabauda per difendere meglio i centri costieri, mise in atto una politica di ripopolamento delle isole lungo la costa sud-occidentale sarda. Fu così rifondata Carloforte, nel 1738, mentre Calasetta venne colonizzata nel 1770 da una comunità di Tabarchini. Nel 1808 sulle coste del nord Sardegna fu fondata Santa Teresa Gallura.
Edilizia civile
Nell'ambito dell'edilizia civile trova forma compiuta in Sardegna una delle definizioni canoniche del concetto di "architettura", cioè "l'abilità di conoscere e modellare il territorio abitato".
Patrimonio culturale della Sardegna