Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  periodi storici  ›  prenuragico  ›  monumenti

Schede Monumenti

Dolmen
Il termine "dolmen" (di origine bretone) significa "tavola di pietra" e fa riferimento alla tipica forma dei monumenti così denominati, realizzati proprio come una sorta di tavola litica. I dolmen (come quello di Motorra, ubicato nel territorio di Dorgali) svolgevano la funzione di tombe.
Domus de janas
Le "domus de janas" (case delle fate) sono le grotte artificiali al cui interno venivano deposti vari corpi. Compaiono nel Neolitico recente (cultura di Ozieri) ma il loro uso perdura, grazie alla pratica del riutilizzo, sino all'Eneolitico e, in qualche caso, al Bronzo antico (cultura di Bonnannaro).
Grotte
Nella storia evolutiva delle culture umane lo spazio fisico della grotta ha assunto una rilevanza cruciale sin dalle fasi preistoriche, giungendo non a caso ad assumere significative valenze simboliche. La rilevanza di alcune delle testimonianze archeologiche rinvenute in tali spazi sono un riflesso eloquente di questo fatto.
Menhir
I "menhir" (noti in Sardegna come "perdas fittas") sono dei grandi blocchi di pietra di forma generalmente allungata, che possono presentare questa forma sia al naturale sia in seguito ad azione umana tendente a regolarizzare la morfologia dei blocchi, che poi possono essere eretti singolarmente o in allineamenti.
Muraglie megalitiche
Con questa denominazione si fa riferimento a grandi recinti murari posti a difesa di spazi abitativi. Si tratta di una specifica tipologia insediativa ben documentata durante l'Eneolitico sardo, di notevole rilevanza sul piano culturale dal momento che pare preludere, con dinamiche evolutive ancora da comprendere appieno, ai futuri esiti monumentali nuragici.
Stazioni preistoriche
Con questa espressione si designano in ambito scientifico le tracce della presenza umana, inquadrabili cronologicamente in ambito preistorico, rilevate in determinati siti. Essa comprende vari tipi di presenze, come ad esempio le tracce di attività produttive. In Sardegna rappresentano un significativo esempio di questo genere di attività le tracce di estrazione e lavorazione dell'ossidiana rilevabili sul Monte Arci.
Templi prenuragici
Con questo termine si designa una specifica categoria monumentale rappresentata da grandi edifici di culto, come il tempio-altare di Monte d'Accoddi, unico nel suo genere nel Mediterraneo. Tali monumenti appaiono di assoluta rilevanza, sia dal punto di vista strutturale che per l'inquadramento cronologico.
Tombe a circolo
Le "tombe a circolo", attestate in Sardegna a Goni (Cagliari) e a Li Muri (Arzachena), sono composte solitamente da un dolmen centrale circondato da una serie di cerchi concentrici, di diametro variabile, composti con pietrame di piccola pezzatura.
Patrimonio culturale della Sardegna