Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  grandi eventi  ›  carnevale  ›  lode'  ›  in barbagia inizia il carnevale con i fuochi...

In Barbagia inizia il Carnevale con i fuochi di Sant'Antonio

Nei paesi della Barbagia in occasione della festa di Sant'Antonio Abate, il "Santo del Fuoco", tra il 16 e il 17 gennaio, fanno la loro comparsa le maschere del Carnevale che si aggirano fra i grandi fuochi accesi nei rioni o nei sagrati delle chiese.

A Mamoiada inizia la danza dei Mamuthones guidati dagli Issohadores. I primi indossano una maschera nera di legno d'ontano o pero selvatico, dall'espressione sofferente o impassibile e sulla schiena portano "sa carriga", campanacci dal peso di circa 30 kg; i secondi con le loro maschere bianche lanciano le loro funi per catturare gli astanti.

Ad Orani Sos Bundos con le loro maschere di sughero visitano i fuochi e ricevono su pistiddu, il dolce tipico preparato per S. Antonio e benedetto durante la processione. Il dolce è offerto anche a tutti i presenti e inviato nelle case dei malati a tredici persone di nome di Antonio.

Attorno ai fuochi, quando iniziano i balli in piazza, si ritrovano anche Sos Maimones, le maschere di Orotelli con i visi anneriti dalla fuliggine ricavata dal sughero bruciato.

Ad Ottana dopo la funzione religiosa che termina con la benedizione del falò (Su Ogulone) in piazza, le maschere di Sos Merdùles fanno la loro prima uscita e si radunano intorno al fuoco.

Durante la serata anche a Samugheo fanno la loro prima apparizione Su Mamutzone, S'Urtzu, S'Omadore, Su Traga Cortgius le maschere che in origine uscivano al calar della sera, quando in paese risuonavano le campane.

A Fonni, un'ora prima della SS. Messa, durante su pispiru (il vespro) si accende un unico grande fuoco. Dopo la funzione religiosa, il prete accompagna la statua di S. Antonio in processione, compiendo tre giri intorno al fuoco e benedicendo sia il falò sia il pane in sappa, tipico dolce di questa festa, preparato dal priore e offerto ai presenti dopo la cerimonia. Infine, entrano in scena le maschere tradizionali fonnesi, S'Urthu e Buttudos.

A Lodè i giovani del paese accendono un enorme fuoco attorno ad un grande tronco alto 15-20 metri: i più agili si lanciano di corsa sulle frasche per arrivare fino in cima al tronco. In palio maialetti, vino e doni offerti dal paese che serviranno per organizzare una cena a cui partecipa tutta la comunità.

Come ormai da qualche anno a Nuoro è stato indetto dal Comune il concorso "Su focu e Sant’Antoni prus bellu" al quale parteciperanno i fuochi accesi nei cinque rioni della città.

Per avere informazioni sui carnevali barbaricini è possibile contattare il numero verde 800 88 11 88.

Consulta la sezione Carnevale
Patrimonio culturale della Sardegna