Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  grandi eventi  ›  carnevale  ›  fonni  ›  a fonni tra "urthos" e "buttudos"

A Fonni tra "Urthos" e "Buttudos"

Solo a Fonni nevica ogni anno, anche a carnevale. Nel paese più a nord di tutta la Sardegna, le maschere tradizionali – “S'Urthos", l’orso vestito di pelli e incatenato e “Sos Buttudos”, i guardiani vestiti con i mantelli di orbace e i campanacci – compaiono per i fuochi di Sant’Antonio.

Il 16 gennaio, durante “su pispiru” (il vespro), nella piazza della chiesa di S. Croce viene acceso un unico grande fuoco. Con la statua di S’Antonio in processione vengono benedetti il falò e il tipico “pane di S. Antonio” fatto dal priore di S. Croce con la sappa (vino cotto) e offerto a tutti. Subito dopo entrano in scena le maschere.

Il programma del carnevale fonnese quest’anno è ricco di appuntamenti e momenti di festa fino al 10 febbraio, quando si decreta la “morte” di Ceomo, fantoccio simbolo del carnevale, bruciandolo al rogo.
Si parte domenica 20 gennaio con la rassegna delle maschere tradizionali della Barbagia in piazza Europa. Fonni ospita gruppi di Gavoi, Orani Sarule, Lodine, Olzai, Ottana, Austis e Samugheo che si esibiranno per le vie del paese. Da non perdere anche la sfilata di Urthos, Buttudos e Mascheras Limpias il “Martedì Grasso” (5 febbraio).

Consulta la sezione Carnevale di Fonni
Patrimonio culturale della Sardegna