Il festival

La manifestazione Time in Jazz è nata nel 1988. Dal dicembre 1997 la coordina e organizza l'omonima associazione culturale. Il presidente e direttore artistico dell'associazione è Paolo Fresu, trombettista e compositore jazz tra i più apprezzati a livello nazionale ed internazionale. Per Paolo Fresu la musica non è solo spettacolo ma è anche ricerca, sperimentazione, riscoperta e confronto con altre musiche e altre culture e il progetto culturale che guida Time in Jazz rispecchia appieno l'idea di Fresu.

Dal settembre del 1988, quando si tenne la prima manifestazione nella piazza del Popolo di Berchidda, il festival con i suoi appuntamenti annuali è andato crescendo, sino a diventare un evento imperdibile per tutti gli amanti della musica jazz.

La sede tradizionale del festival, dove si svolge lo spettacolo serale, è la piazza del Popolo di Berchidda, ma già da diversi anni gli artisti di Time in Jazz si esibiscono in concerti e spettacoli, dall'alba al tramonto, lungo le strade e le piazze del paese e nelle chiesette campestri dei paesi vicini: Monti, Nugheddu San Nicolò, Oschiri e Ozieri.

Time in Jazz rappresenta un vero esempio di integrazione culturale, ospitando artisti di tutte le fedi e di tutte le razze: africani, turchi, macedoni, tunisini, marocchini, algerini, lapponi, newyorkesi, scandinavi, mitteleuropei, sardi, bretoni, vietnamiti, ecc. Come sottolinea il manifesto del festival, redatto dallo stesso Fresu nel 1998, Time in Jazz è "un festival che crede nella propensione del jazz, musica dinamica e in divenire, per sua stessa natura, all'apertura verso il mondo con i suoi intrecci geografici e stilistici".

Nel 2005, il P.A.V. (Progetto Arti Visive), che cura l'organizzazione delle iniziative artistiche legate al festival, inaugura, in collaborazione con l'Ente Foreste, i concerti all'alba tra i boschi e le foreste del Monte Limbara.
Al P.A.V. si deve anche la creazione della Collezione di Arte Contemporanea nello spazio museale dell'enoteca regionale e del Museo di arte ambientale Semida (il museo all'aperto del Monte Limbara), dove si espongono opere pensate e realizzate per integrarsi con la natura, fonte di ispirazione per gli artisti.