Carbonia, miniera di Serbariu

Carbonia, Museo del carbone

Informazioni
Indirizzo: SS 126, Serbariu - 09013 Carbonia
Tel. +39 0781 670591 - +39 0781 62727
Ente titolare: Comune di Carbonia
Ente gestore: Assoc.ne Centro Italiano della Cultura del Carbone
Orari:
21 Settembre-20 Giugno
MA-DO 10:00-18:00
21 Giugno-20 Settembre
LU-DO 10:00-19:00
Il museo è aperto anche nei giorni 24 dicembre e 31 gennaio, con orario limitato al mattino sino alle 13:00. Il museo chiude il 25 dicembre e il 1 gennaio. Chiusura biglietteria ore 18:00. L'ultimo accesso al museo è possibile sino a un'ora prima della chiusura.
Biglietto:
Intero - euro 8,00 - adulti
Ridotto - euro 6,00 - minori dai 6 ai 12 anni, adulti oltre 65 anni, titolari di Carta Giovani, titolari di Carta Giovani Euro -26, possessori di carta soci TCI, possessori di carta soci ACI e circuito SYC! (Show your card!), possessori di carta iscritti CRAL Regione Sardegna, possessori di carte del circuito ASSOCARD, gruppi di almeno 25 persone
Ridotto - euro 5,00 - classi scolastiche
Cumulativo intero - euro 15,00 - per una visita in ciascuno dei seguenti siti e musei: Museo del Carbone, Museo Paleontologico PAS "E.A. Martel", Parco Archeologico Monte Sirai, Museo Archeologico Villa Sulcis. Il biglietto cumulativo ha una validità di 60 giorni
L'ingresso al museo è gratuito per i minori dai 6 anni in giù, per un visitatore ogni 25 componenti di un gruppo, per 2 accompagnatori per ogni classe scolastica
Per motivi di sicurezza l'accesso alla galleria sotterranea è possibile solo con l'accompagnamento di personale specializzato del museo.
E-mail: info@museodelcarbone.it - prenotazioni@museodelcarbone.it
Sito web: www.museodelcarbone.it

Il museo
Il sito minerario di Serbariu, attivo dal 1937 al 1964, ha caratterizzato l'economia del Sulcis e rappresentato tra gli anni '30 e '50 una delle più importanti risorse energetiche d'Italia. Il complesso è stato recuperato e ristrutturato a fini museali e didattici, valorizzando il sito e rendendo fruibili gli edifici e le strutture minerarie che oggi costituiscono il "Museo del Carbone".
Il Museo include i locali della lampisteria, della galleria sotterranea e della sala argani. Nella lampisteria ha sede l'esposizione permanente sulla storia del carbone, della miniera e della città di Carbonia; l'ampio locale accoglie una preziosa collezione di lampade da miniera, attrezzi da lavoro, strumenti, oggetti di uso quotidiano, fotografie, documenti, filmati d'epoca e videointerviste ai minatori. La galleria sotterranea mostra l'evoluzione delle tecniche di coltivazione del carbone utilizzate a Serbariu dagli anni '30 alla cessazione dell'attività, in ambienti fedelmente riallestiti con attrezzi dell'epoca e grandi macchinari ancora oggi in uso in miniere carbonifere attive. La sala argani, infine, conserva intatte al suo interno le grandi ruote dell'argano
con cui si manovrava la discesa e la risalita delle gabbie nei pozzi per il trasporto dei minatori e delle berline vuote o cariche di carbone.
Il museo è accessibile ai visitatori diversamente abili sia nella lampisteria che, parzialmente, nella galleria sotterranea. L'allestimento include inoltre vetrine tattili con diverse tipologie di lampade, caschi e frammenti di carbone estratto nella miniera.
Il Centro Italiano della Cultura del Carbone (CICC) nasce nel 2006 come associazione tra il Comune di Carbonia e il Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna, con lo scopo di gestire e valorizzare il sito della Grande Miniera di Serbariu.

Perché è importante visitarlo
Il museo consente di ricostruire le attività della miniera attraverso una ricca collezione di attrezzi da lavoro.

Servizi
Bookshop, visite guidate, caffetteria, sala conferenze.
Le visite guidate in sottosuolo non sono prenotabili, fatta eccezione per i gruppi organizzati, e si svolgono regolarmente, a cadenze fisse, dall'apertura alle 12:30 e dalle 14:30 in poi.


Vedi su mappa