Le colonie fenicie, seconda metà del XVIII secolo

Le colonie fenicie, seconda metà del XVIII secolo

La carta proviene dallo stesso atlante da cui è tratta la carta precedente. Esse riportano lo stesso disegno, infatti anche qui è riprodotto il bacino del Mediterraneo, anche se con lievi differenze nei contenuti dell'interno. In questa tavola è inoltre più evidente il carattere scolastico dell'opera.



Tecnica
Carta a stampa in bianco e nero, incisione in rame.

Autore
Anonimo

Titolo, edizione, anno
Le colonie / fenicie, tomo 8.a Car. 34 di un atlante non identificato, seconda metà del XVIII secolo.

Descrizione
Nord in alto; dimensioni h x b foglio mm 185 R x 252 R, incisione mm 139 k 168, disegno mm 130 x 163.
La carta proviene dallo stesso atlante da cui è tratta la carta precedente. Esse riportano lo stesso disegno, infatti anche qui è riprodotto il bacino del Mediterraneo, anche se con lievi differenze nei contenuti dell'interno.
In questa tavola è inoltre più evidente il carattere scolastico dell'opera di provenienza, come dimostra la scritta che segue il titolo: "I nomi dé paesi bagnati dal Mare Mediterraneo sono tutti significativi nella lingua dé Fenici; prenda / argomento dalle due parole Spagna, e Italia". A questa precisazione corrisponde, in prossimità della penisola italiana la scritta * Itaria o il paese della pece, mentre nella penisola iberica è scritto Spania o Il Paese dé Conigli. Sono indicati anche i nomi delle colonie fenicie. La semiologia è la stessa della carta precedente, anche se qui è completamente assente l'orografia, ridotta al solo Etna. È assente anche la simbologia relativa alle città.