Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  argomenti  ›  teatro  ›  il teatro in sardegna

Il teatro in Sardegna

G. Marghinotti, Carlo Felice munifico protettore delle Belle Arti, 1830
G. Marghinotti, Carlo Felice munifico protettore delle Belle Arti, 1830
In Sardegna, verosimilmente fin dall'età nuragica, intorno a nuclei ancestrali di riti e di miti, gruppi di individui si riunirono in società, accomunati da tradizioni, legati da una lingua e radunati in un'area geografica comune. I riti furono occasione spettacolare di aggregazione sociale e i miti veicolarono, attraverso la teatralità popolare, il patrimonio di tradizioni. Di Cartagine e di Roma, insieme alle asprezze del dominio, la Sardegna conobbe anche la cultura e l'architettura. Cagliari e Nora conservano più evidenti vestigia teatrali: un anfiteatro ed un teatro, entrambi del II secolo d.C.

Dal XVI fino alla metà del XVIII secolo circa, le rappresentazioni teatrali avvenivano a Sassari nella Loggia del Palazzo Comunale; poi, dal 1829, nel Teatro Civico e, dal 1884, nel Politeama. A Cagliari esse erano allestite nel Palazzo Regio e in Piazza Palazzo; poi, dal 1750, nel Teatro dell'Università e, dal 1767, nel Teatro Zapata o Regio (Civico, dal 1831-1943); nel Nuovo Diurno/Cerruti/Politeama Regina Margherita (1859-1942). Con i palazzi del potere come fondali scenici, o come quinte prospettiche, Sassari e Cagliari divennero epicentro e fulcro di ogni manifestazione del potere costituito.
Dal punto di vista dei testi il teatro in Sardegna – stando allo stato attuale delle ricerche – iniziò nella seconda metà del XVI secolo, con le "Coplas" di Sigismondo Arquer, appartenenti alla sacra rappresentazione: un genere drammatico diffuso in Italia e in Europa e innestatosi nell'isola in un contesto popolare ricco già di un substrato di tradizioni arcaiche che si venivano scontrando e adattando con gli influssi teatrali del fastoso "siglo de oro" spagnolo, nell'ambito di una Controriforma intensamente vissuta.

Le potenze dominatrici succedutesi nell'isola non riuscirono a cancellarne la cultura che continuò ad esistere grazie alla sua straordinaria capacità di accogliere e di fare propri gli elementi più interessanti di tali civiltà: dai rituali spettacolari dei santuari nuragici fino alle arcaiche manifestazioni rituali dei "Mamuthones"; dall'agiografia teatrale ai "gosos" o "goccius" dialogici; dagli strabilianti tornei alle spettacolari processioni drammatiche; dalle sacre rappresentazioni dei drammaturghi cinque-settecenteschi Sigismondo Arquer, Giovanni Coloma, Antonio Maria da Esterzili, Giovanni Francesco Carmona, Maurizio Carrus, Salvatore Vidal, Antioco dell'Arca, Giovanni Delogu Ibba, Pietro Chessa Cappai all'icasticità pedagogica del Teatro dei Gesuiti; dal teatro dell'Ottocento con Enrico Costa, Ottone Bacaredda, Michele Uda, Giovanni Siotto Pintor, a quello del Novecento con Grazia Deledda, Oliviero Prunas, Efisio Vincenzo Melis, Antonio Garau; fino al teatro contemporaneo del Duemila con i gruppi e le cooperative teatrali che animano lo spettacolo attuale in Sardegna.

Bibliografia
S. Esquirro, Santuario de Caller, y verdadera istoria de la invencion de los cuerpos Santos hallados en la dicha Ciudad y su arzobispado, Caller, doct. Antonio Galçerin, por Juan Polla, 1624;
J.F. Carmona, Alabanças de los Santos de Sardeña, ms. 1631, Biblioteca Universitaria Cagliari;
E. Costa, Sassari, I-III, Sassari, Gallizzi, 1937;
J. Arce, España en Cerdeña, Madrid, 1960;
Atti del Convegno Una politica dello spettacolo in Sardegna, Cagliari, Regione Sardegna, 1973;
F. Alziator, Testi di drammatica religiosa della Sardegna, Cagliari, Fossataro, 1975;
S. Bullegas, Teatro in Sardegna fra Cinque e Seicento, Cagliari, EDES, 1976;
S. Bullegas, Introduzione critica a E.V. Melis, Su bandidori, Cagliari, EDES, 1977, pp. 1-68;
S. Pinna, Teatro e cultura popolare. Il circuito alternativo dell’Arci. I gruppi teatrali di base e il ruolo dell’associazionismo, Cagliari, EDES, 1977;
Atti del Convegno Il teatro in Sardegna. Per un teatro nel Meridione, a cura di M. Boggio, Casa Usher, 1983;
A. Cesaraccio, Una città a teatro, Cagliari, EDES, 1986;
G. Cubeddu, Il teatro dialettale, in La Sardegna, I, a cura di M. Brigaglia, Cagliari, Della Torre, 1987;
N. Fara, "La tradizione musicale a Cagliari", in La Sardegna, I, a cura di M. Brigaglia, Cagliari, Della Torre, 1987;
S. Bullegas, L'effimero barocco. Festa e spettacolo nella Sardegna del XVII Secolo, Cagliari, CUEC, 1995;
S. Bullegas, La scena persuasiva. Tecnica scenica e poesia drammatica tra Sei e Settecento nel "corpus" manoscritto di Maurizio Carrus di S. Vero Milis, Alessandria, Edizioni Dell'Orso, 1996;
S. Bullegas, La Spagna, il Teatro, la Sardegna (nuova edizione ampliata e aggiornata), Cagliari, CUEC, 1996;
S. Bullegas, La scena e il paesaggio. Cagliari e Mara, Sant'Antioco e Iglesias, Sulcis e Sigerro: l'entroterra cagliaritano ed il Sulcis. Luoghi geografici e scenari paradisiaci della "Passio" di Sant'Antioco in un manoscritto seicentesco di Salvador Vidal, Alessandria, Edizioni dell'Orso, Alessandria, 1997;
S. Bullegas, Storia del Teatro in Sardegna. Identità, tradizione, lingua, progettualità, Cagliari, Edizioni della Torre, 1998;
S. Bullegas, Cagliari e i suoi teatri. Compagnie, repertori, autori, attori, pubblico, impresari, cultura e società tra Otto e Novecento, Alessandria, Edizioni dell'Orso, 2001;
S. Bullegas, Giovanni Delogu Ibba: Tragedia in su Isclavamentu (edizione, traduzione e introduzione), Cagliari, Artigianarte, 2001;
S. Bullegas, "La scena violata: contrasto di lingue in un componimento seicentesco di Juan Francisco Carmona", in Le lingue del popolo. Contatto linguistico nella letteratura popolare del Mediterraneo occidentale (Arxiu de tradicions), Cagliari, Grafica del Parteolla, 2003, pp. 45-51;
M. Faticoni, Teatro contemporaneo in Sardegna, Cagliari, AM&D, 2003;
S. Bullegas, L'Urania sulcitana di Salvatore Vidal. Classicità e teatralità della lingua sarda, Cagliari, Edizioni della Torre, 2004;
S. Bullegas, S'umanidadi e s'innocenzia de is umilis. Il teatro e la drammaturgia di Antonio Garau (nuova edizione ampliata e aggiornata), Cagliari, CUEC, 2004.
Patrimonio culturale della Sardegna