Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  argomenti  ›  feste  ›  le feste tradizionali

Le feste tradizionali

Si crede e si dice che la Sardegna sia zona fra le più conservative in Occidente (Giulio Angioni). Ciò non è privo di fondamento, soprattutto per quanto riguarda le feste.

Vicende storiche hanno creato le premesse perché l'ordine cristiano dell'anno venisse introdotto precocemente in Sardegna. Nonostante ciò, ancora oggi è possibile osservare la singolarità delle feste sarde e coglierne il particolare timbro che hanno rispetto a quelle che si celebrano nei continenti che si affacciano sul mare del Mediterraneo.

Analogie comunque è possibile cogliere, oltreché nell'ambito spazio-temporale del Mediterraneo preistorico e storico, soprattutto con alcune feste che da un lato si svolgono nel contesto del Mediterraneo del vicino Oriente, dall'altro nella penisola iberica, particolarmente nella Catalogna.

Peraltro anche in Sardegna, come in ogni luogo, le feste si caratterizzano per essere delle attività rituali di organizzazione sociale del tempo e per essere, queste attività sociali, piacevoli (Valerio Valeri). La festa, rendendo possibile la percezione collettiva della discontinuità del tempo rispetto alla durata del tempo individuale, introduce senso e ordine nel fluire caotico e indifferenziato degli eventi (Levi-Strauss). Per cui tra festa e quotidiano vi è profonda differenza, ma - contrariamente a quanto si crede - non contrapposizione. Essa, semmai, unisce nell"esperienza collettiva ciò che nella vita quotidiana è normalmente separato (lo spirito e la materia, il sacro e il profano, l'utile e l'inutile, la miseria e l'abbondanza, e così via).

Le feste sono connotate quindi non soltanto dai riti ma anche da comportamenti diversi e insoliti, rispetto a quelli abituali, nell'abbigliamento, nell'alimentazione, nell'attività lavorativa, nell'osservanza e nell'inosservanza di divieti, nel permettersi la reciprocità e il dono che la vita quotidiana per lo più inibisce e, soprattutto, nel concedersi lo svago e il divertimento collettivo. La particolarità della festa è data dalle peculiari conformazioni che questi tratti generali assumono a seconda delle civiltà nelle quali essi si affermano e si concretizzano.

Persistenze preistoriche e storiche, contesto socioeconomico agro-pastorale, riferimenti areali e temporali che rimandano alla presenza nell'isola delle diverse genti che vi si sono avvicendate e soprattutto i lunghissimi percorsi non solamente temporali di assimilazione e sedimentazione di questi fenomeni - motivati dal relativo isolamento della Sardegna verso l'esterno e tra paese e paese nel suo interno - offrono sottofondo esplicativo alla vivacità, alla varietà e al particolare timbro e colore della festa sarda.

Bibliografia
A. Bresciani, Dei costumi dell'isola di Sardegna, comparati cogli antichissimi popoli orientali, Napoli, Civiltà cattolica, 1850;
G. Angioni, "La festa di Santa Maria d'agosto a Guasila", in BRADS. Bollettino del repertorio e dell"atlante demologico sardo, 3, 1968, pp. 60-68;
C. Gallini, Il consumo del sacro. Feste lunghe di Sardegna, Bari, Laterza, 1971;
G. Angioni, "I pani e la festa de is bagadius" a Siurgus", in BRADS. Bollettino del repertorio e dell'atlante demologico sardo, 4, 1972, pp. 42-49;
M. Del Piano, La Sagra di S. Francesco di Lula, Cagliari, E. Gasperini, 1972;
A.F. Spada, La sagra di san Costantino, Cagliari, Stabilimento tipografico Fossataro, [1972];
C. Gallini, Dono e malocchio, Palermo, S.F. Flaccovio, 1973;.
A.M. Cirese, Pani tradizionali. Arte effimera in Sardegna, Cagliari, EDES, 1977;
C. Gallini, Tradizioni sarde e miti d"oggi. Dinamiche culturali e scontri di classe, Cagliari, EDES, 1977;
F. Alziator, Il folklore sardo, prefazione di P. Toschi, Sassari, Libreria editrice Dessì, 1978;
M. Atzori-M.M. Satta, Credenze e riti magici in Sardegna. Dalla religione alla magia, Sassari, Chiarella, 1980;
G.P. Caredda, Folclore in Sardegna, Genova, SAGEP, 1981;
M.M. Satta, Riso e pianto nella cultura popolare. Feste e tradizioni sarde, Sassari, L"asfodelo, 1982;
G. Angioni, "La cultura popolare", La Provincia di Cagliari. Ambiente, storia, cultura, Cinisello Balsamo, Silvana, 1983, pp. 237-284;
G. Mele, "La musica catalana nella Sardegna medievale", in I catalani in Sardegna, a cura di J. Carbonell-F. Manconi, [Cinisello Balsamo], Silvana, [1984], pp. 187-192;
A. Vargiu, Il culto dell"Assunta in Sardegna. S"acchixedda di Guasila, Cagliari, TEA, [1984];
M.M. Satta, "La religiosità popolare e le feste", in La Sardegna, a cura di M. Brigaglia, Cagliari, : Edizioni della Torre, 1985, pp. 126-139;
Sagre riti e feste popolari di Sardegna, [s. l.], Janus, 1987;
L. Spanu, Sagre e feste popolari nei comuni della provincia di Cagliari, Cagliari, Provincia-Assessorato alla cultura, 1987;
M. Atzori, Cavalli e feste. Tradizioni equestri della Sardegna, Sassari, L'Asfodelo, 1988;
G. Angioni, "Alle radici del folclore", in Tutti i libri della Sardegna, a cura di M. Brigaglia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1989, pp. 163-165;
L. Spanu, Guida alle sagre della Sardegna, Cagliari, Castello, [1989];
G.P. Caredda, Sagre e feste in Sardegna, Cagliari, Edizioni della Torre, [1990];
Folk festivals in Sardinia, [s.l.], Janus, 1990;
G. Angioni, "Feste e santuari campestri", in Il lavoro e la vita sociale, a cura di A. Oppo, [Cinisello Balsamo], A. Pizzi, [1991], pp. 176-188;
La cavalcata sarda. La Festa di Primavera a Sassari, Sassari, Soter, [1992];
G.P. Caredda, Le tradizioni popolari della Sardegna, Nuoro : Archivio fotografico sardo, [1993].
P. De Magistris, Dalla peste alla festa. Storia di terrori e di speranze. La devozione per Sant"Efisio, Cagliari, Edizioni della Torre, 1993;
G. Deledda, Tradizioni popolari di Sardegna, a cura di D. Turchi, Roma, Newton Compton, 1995;
A. Deias, "S. Antonio Abate e il mito del fuoco", in Sardegna antica, 5, 1996 , pp. 25-31;
M. Falchi- R. Zucca, Libro de la Sartiglia, o sia Giostra de li cavallieri de la nobilissima città di Auristagno Oristano, S"Alvure, 1996;
G. Zirottu, Nostra signora di Gonare, Nuoro, Solinas, 1996;
G. Fara, Sulla musica popolare in Sardegna, a cura di G.N. Spanu, Nuoro, Ilisso, [1997];
G. Angioni, "Sardegna 1900. Lo sguardo antropologico", in La Sardegna, a cura di L. Berlinguer-A. Mattone, Torino, G. Einaudi, [1998], pp. 1126-52;
Sedilo. La storia, a cura di A.F. Spada, [Sedilo], Amministrazione comunale, 1998;
L. Orrù, Maschere e doni, musiche e balli. Carnevale in Sardegna, a cura di F. Putzolu-T. Usala, Cagliari, CUEC, 1999;
S. Pirisinu, 1000 e piu feste. Guida aggiornata alle feste e alle sagre della Sardegna, Sassari, Superstar-EDES, [1999];
Sedilo. La gente, a cura di A.F. Spada, [Sedilo], Amministrazione comunale, [1999];
G.M. Demartis, La cavalcata sarda. I costumi, l"orgoglio di un popolo, Piedimonte Matese, Imago media, 2000;
A. Cauli, Dietro la Sartiglia. Viaggio tra i sentimenti e le emozioni della giostra equestre di Oristano, Oristano, S"Alvure, 2001;
B. Lortat-Jacob, Musiche in festa. Marocco, Sardegna, Romania, Cagliari, Condaghes, [2001];
A.F. Spada, Chiese e feste di Bosa, Sestu, Zonza, 2002;
Carta delle tradizioni popolari della Sardegna. 118 feste popolari raccontate e illustrate, Sassari, Carlo Delfino, 2004;
G. Angioni, "Il mondo popolare tradizionale", in Sardegna, Torino-Roma, Touring Club Italiano-Gruppo editoriale L"Espresso, 2005, pp. 79-88;
Calendario 2006. Istituto superiore regionale etnografico, a cura di A. Deias, Nuoro, Studio Stampa, 2006.

MONOGRAFIE
Clara Gallini, Il consumo del sacro
Patrimonio culturale della Sardegna