Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  lingua sarda  ›  storia della lingua  ›  storia degli studi  ›  max leopold wagner

Max Leopold Wagner

Cagliari in una foto di Max Leopold Wagner, primi del Novecento
Cagliari in una foto di Max Leopold Wagner, primi del Novecento
Di capitale importanza per la conoscenza della lingua sarda è l'opera di Max Leopold Wagner, l'eccentrico studioso tedesco nato a Monaco di Baviera nel 1880 e morto a Washington nel 1962.
Grazie al famoso linguista tedesco "sa limba" ha trovato finalmente cittadinanza fra le altre consorelle neolatine. Come affermano in molti, Wagner è il fondatore della linguistica sarda: con la sua opera portò alla luce gli aspetti più importanti dell'idioma isolano, dalla fonetica alla morfologia, dalla formazione delle parole al lessico, il tutto in prospettiva rigorosamente scientifica. In particolare, Wagner decretò, per conto della comunità internazionale, l'autonomia e il posto a parte che ''sa limba'' ha rispetto all'italiano e alle altre lingue romanze. Come sostiene Giulio Paulis, oggi fra i più autorevoli rappresentanti della linguistica sarda, "raramente lo sviluppo delle conoscenze scientifiche di una lingua è legato in maniera così stretta alla figura di uno studioso, come è accaduto per il sardo con Max Leopold Wagner". Molto tempo è passato da quel cinquantennio in cui i suoi lavori videro la luce, ma è certo che Wagner abbia fatto scoprire la lingua sarda agli stessi sardi che, in qualche modo, tendevano ad emarginarla e ad abbandonarla. Un amore che è stato comunque ricambiato: non esiste infatti bibliografia sulla lingua sarda che non citi l'insigne studioso tedesco.

MONOGRAFIE
La lingua sarda
La vita rustica
Patrimonio culturale della Sardegna