Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  lingua sarda  ›  il sardo  ›  altre lingue  ›  l'algherese

L'algherese

Alghero, città sarda per vocazione ed elezione, conserva l'antica parlata catalana dei suoi abitatori medievali. L'antica "S'Alighera" resistette non poco agli invasori iberici e per questo fu oggetto di una vera e propria "pulizia etnica" che eliminò per sempre i sardi che l'abitavano originariamente. Si trasformò in "L'Alguer", centro abitato da genti di lingua catalana.
Per quanto sia stato detto che il dialetto algherese tenda a sparire, è da credere che l'essersi questa lingua conservata per oltre sei secoli, nonostante la distanza con Barcellona, rassicura sul fatto che si debba inevitabilmente spegnere in avvenire. Il dialetto algherese odierno non è altro che la lingua parlata in Catalogna fra la metà del secolo XIV e la fine del XVII, isolata dalla restante area catalana evolutasi molto poco indipendentemente da essa, sotto l'influsso sempre crescente prima del sardo, poi dell'italiano.
In altre parole, nel dialetto algherese, cessata la dominazione spagnola, ha continuato a sopravvivere una lingua del '400. Il catalano d'Alghero dunque è il catalano veramente antico di fronte al catalano d'oggi, nel senso che, mentre il primo è rimasto storicamente alla situazione del XIV-XV secolo, il catalano di Catalogna e quello delle Baleari hanno attraversato parecchi secoli di evoluzione, di adattamenti e di trasformazioni.

Testo della messa in Algherese - Lllibret Missa en alguerés
Patrimonio culturale della Sardegna