Immagine non disponibile

Villacidro, Museo di Santa Barbara

Tipologia: Arte

Informazioni
Indirizzo: piazza Santa Barbara, 2 - 09039 Villacidro
Tel. +39 070 932018
Ente titolare: Diocesi Ales - Terralba
Ente gestore: Parrocchia di Santa Barbara
Orari:
SA-DO 09:00-12:00 e 16:00-20:00
Biglietto: ingresso libero
E-mail: corrado.melis@alice.it
Sito web: www.parrocchiasantabarbara - www.parrocchie

Il museo
Il museo, nell'Oratorio di Nostra Signora, nasce con l'intento di valorizzare tutte le risorse architettoniche e suppellettili sacre della Parrocchiale di Santa Barbara. Tre chiese si fronteggiano a triangolo sul sagrato creando un'originale scenario architettonico: la Parrocchiale di Santa Barbara, l'Oratorio di Nostra Signora con il suo singolare loggiato, e l'Oratorio delle Anime. Su esse è presente un ingente patrimonio di arredi sacri costituito da statue, argenti, altari e arredi lignei.
Non mancano documenti storici, di diverso genere, provenienti dalla chiesa campestre di San Sisinnio (solare costruzione del 1600 in fase di ristrutturazione), dell'Oratorio di S.Efisio (chiesetta in auge fino al 1950 e oggi destinata ad altro uso) e del convento dei Mercedari in piedi fino ai primi anni del 1900. Tutti questi oggetti hanno cadenzato la storia di Villacidro tenendone viva la memoria.
Il primo allestimento del museo è organizzato nell'oratorio di Nostra Signora (1600) dove, nel ben conservato originario spazio architettonico, si possono ammirare organicamente esposti i manufatti in argento dei più illustri argentieri sardi come Cabras, Usay, Mamely, etc. Essi ci raccontano l'evolversi delle suppellettili liturgiche fin dal XVI secolo.
Un turibolo a tempietto (gotico), un secchiello per acqua benedetta e una Pace precedono, antichissimi e prestigiosi, una numerosa serie di manufatti ricchi di storia locale. La Vergine del Rosario dell'illustre scultore Lonis, una serie di crocefissi tra cui il "Crocefisso doloroso" rara fattura del XVI secolo, il legno policromo della Vergine Annunciata e numerose statue del XVII secolo trovano ancora collocazione nel presbiterio e nell'antica sacrestia.
Altre statue di prestigiosi artisti tra cui la statua di Santa Barbara di Giuseppe Zanda e numerosissimi altri lavori di pregio possono essere visitati nelle altre due chiese prospicienti il museo.

Perché è importante visitarlo
Informazione non disponibile.

Servizi
Visite guidate.
Per le visite guidate, da prenotare anticipatamente, sono disponibili interpreti di lingua inglese, francese, tedesca e spagnola.