Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  argomenti  ›  arte  ›  artisti contemporanei  ›  aurelio demontis

Aurelio Demontis

Vasi e boccale, 1974 olio su tela Vasi e boccale, 1974 olio su tela
Biografia
Aurelio Demontis (1940 – 2011) comincia a disegnare già da bambino, avvalendosi del carbone come strumento per le sue prime esperienze. Nel 1957 consegue il diploma della Scuola Tecnica Industriale di Cagliari e nel 1961 quello di Cartellonista alla fine di un corso triennale promosso dalla Regione Sardegna e organizzato dal Liceo Artistico, allora privato. Fra i suoi professori figurano: Polidoro Benvenuti, Sabino Jusco, Foiso Fois.
Da sempre appassionato di sport, gareggia nel sollevamento pesi per la palestra “E. d’Arborea” di Cagliari, nei primi anni ’60 vince il campionato regionale di sollevamento pesi massimi.
Lavora coi genitori, grossisti di frutta, legge molta stampa politica, in particolar modo tutto ciò che parla dell’Unione Sovietica e s’interessa ai maestri impressionisti come Monet, Cezanne e Utrillo. Nel 1961 parte per Milano e lavora come tornitore, disegnatore per una fabbrica di confezioni per bimbi, magazziniere e cartellonista nei supermarket. Dipinge la Milano industriale, vecchia e nebbiosa con i suoi navigli, conosce diversi pittori e partecipa ai dibattiti sull’Arte e alle mostre dei maggiori maestri contemporanei. Rientra a Cagliari e si concentra sul lavoro di cartellonista, disegnatore e vignettista. Nel ’63-’64 realizza con due amici pittori alcuni filmini a cartoni animati, i primi in Sardegna. Contemporaneamente continua a dipingere opere ad olio e acquerello che espone in numerose mostre a Cagliari, la Maddalena, Lanusei Nuoro, ecc. Nel 1966 dipinge vignette politiche sulla carrozzeria bianca della sua Fiat 500, cosa che gli consente di divenire molto popolare in città. Nel 1967 sposa la scultrice Dolores Demurtas. Nel 1970 partecipa alla famosa “Contromostra” della Cripta di S.Domenico insieme a numerosi Artisti sardi.
E’ un vignettista severo, la sua verve satirica non risparmia la politica e la società sarda, a partire dagli anni ’70 sforna varie serie di vignette sul mondo pastorale sardo con le sue tipiche pecore a “nuvoletta”.
Pittore poliedrico e romantico, ama dipingere le strade della sua Cagliari, il lavoro dei pescatori di Santa Gilla e le marine. Predilige i toni caldi e morbidi sperimentando la pittura materica a spatola. È uno dei fondatori del Sindacato Artisti CGIL attivo fino agli anni ’80.
Diverse sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private in Sardegna, Italia, Germania, Olanda, Danimarca, U.S.A, Francia, Spagna, Gran Bretagna, Grecia.
Nel’75 si reca a Bagheria su invito del poeta siciliano Ignazio Buttitta (Premio Viareggio 1972) e qui conosce lo scrittore Leonardo Sciascia ed il pittore Carlo Puleo coi quali stringe un forte sodalizio artistico.
Ha collaborato: nel 1975 “Festival Nazionale dell’Unità” di Firenze, disegna nello spazio Serigrafico con altri pittori del festival; nel 1976 con l’Arci di Cagliari invita il poeta siciliano Ignazio Buttitta per un tour di Recital di poesia; nel 1978 per la Televisione TVC “Quattro Mori” telegiornale delle 20,30 (condotto da Giorgio Ariu) con la “Notizia Disegnata da Demontis”; con le sue vignette per la rivista mensile “Il Cagliaritano”; come scenografo per la compagnia teatrale “Il Piccolo Teatro” di Cagliari; come vignettista per l’annuale regionale illustrato “Sport Sardegna” e per il giornale “L’Altro”.

Galleria fotografica
  • Festival dell'unità Firenze, 1975
  • Contadino, 1961
  • Lezione di pecorino, 1985 (china su carta)
  • Mia moglie e mia figlia, 1970 (olio su tela)
  • Santa Gilla, 2005 (olio su cartone)
  • Strumenti del Pittore, 1979 (olio su tela)
  • Tristesse, 1967 (olio su tela)


Mostre Personali
1969 – Cagliari, Galleria “Maestri della Tavolozza” (Acquerelli e Disegni)
1970 – Cagliari, Bottega della Ceramica di Dolores Demurtas (Olii e Pastelli)
1974 – Cagliari, Sez. Partito Sardo d’Azione (Olii e Disegni)
1974 – Lanusei, Locali della Pro Loco (Olii e Disegni)
1974 – Tortolì, Locali Bar Mucelli (Olii e Disegni)

Mostre collettive
1955 – Cagliari, 1a Mostra Concorso Circolo Culturale S.Salvatore (1o Premio per il Disegno)
1956 – Cagliari, 2a Mostra Concorso Circolo Culturale S.Salvatore (1o Premio per il Disegno)
1957 – Cagliari, 3a Mostra Concorso Circolo Culturale S.Salvatore (1o Premio per il Disegno)
1963 – Cagliari, Galleria “Simula”
1963 – Cagliari, Galleria “Il Canneto”
1964 – Cagliari, Galleria “Il Pennellaccio”
1964 – La Maddalena, Palazzo Comunale
1964 – Cagliari, Circolo Culturale “Holiday Club” Endas
1966 – Lanusei, Mostra Regionale d’Arte (2o Premio per la Pittura)
1967 – Cagliari, Mostra Concorso Regionale d’Arte “Sardegna che lavora” Fiera Campionaria
1967 – Quartu S. Elena
1970 – Cagliari, “Contromostra” alla Cripta di S. Domenico
1970 – S. Margherita di Pula, Circolo Culturale
1970 – Lecce, 1a Rassegna Internazionale d’Arte Moderna – RIAM – giro mostre: Lecce, Milano, Bologna, Roma, Venezia, Verona, Firenze (Disegni)
1970 – Cagliari, Mostra Mercato galleria “La Cornice”;
1971 – Cagliari, 1a Rassegna Artistica Regionale, Cripta di S.Domenico (3o Premio per la Pittura)
1971 – Cagliari, Collettiva di Beneficenza Galleria “Lelii”
1972 – Nuoro, Collettiva di Beneficenza
1973 – Cagliari, Galleria “la Cornice”
1973 – Carbonia, Circolo Culturale ENAL
1973 – Iglesias, Galleria “Il Ponte”
1974 – Cagliari, Galleria “La Cornice”
1975 – Cagliari, Dopolavoro PT (Olii e Acquerelli)
1976 – Cagliari, Mostra Mercato Galleria “Zero”
1976 – Selargius, Rassegna Regionale d’Arte (2o Premio per la Pittura)
1980 – Cagliari, Mostra Regionale d’Arti Visive Comune di Cagliari, espone nella sezione Sindacato Artisti
1980 – Carbonia, Mostra del Sindacato Artisti CGIL per il 25 Aprile su invito del Comune
1980 – Sarzana, Premio Apuania- - rassegna Nazionale di Lettere ed Arte (Premio Speciale della Giuria per la Pittura)
1980 – Cagliari, Festival dell’Unità, Mostra di Pittura e Grafica
1980 – Capoterra, Mostra del Sindacato Artisti CGIL su invito del Comune
1980 – Cagliari, Rai Radiotelevisione Italiana, intervento nel programma “Immagini Sonore” con un nastro musicale e una vignetta
1981 – Cagliari, Galleria Comunale d’Arte Moderna, Mostra “Immagini Sonore” a cura della Rai
1982 – Cagliari, Cripta S. Domenico, Anniversario S. Tommaso d’Aquino
1982 – Cagliari, Circolo Enel, Mostra “Comitato della Pace”
1982 – Leeds (Gran Bretagna), Polytechnic Gallery - Mostra di Grafici Italiani (Interscambio)
1984 – Cagliari, 1a Rassegna della Grafica Satirica in Sardegna, Galleria Comunale d’Arte

Testo critico
“La pittura di Aurelio Demontis si offre a noi con un linguaggio disteso, pacato ed onesto. Il paesaggio che questo pittore predilige è arioso e luminoso. Soprattutto le scene di villaggio o gli scorci cittadini, che ricordano le geometrie e le tonalità di Utrillo e che di proposito l’artista lascia deserti interamente d’uomini, sono costruiti solidamente. Intrepido il colore e il disegno.
…eloquenti, ripetiamo, sono però soprattutto i paesaggi nei quali il pittore confessa meglio ed esprime con maggiore consapevolezza ed abbandono la sua indole lirica e contemplativa, riuscendo a trasmettere col colore e con un sapiente dosaggio dei valori plastici, delle architetture e dell’ambiente naturale la sua sensibilità poetica.”
1970 - Marcello Serra
Scrittore e poeta

“Aurelio Demontis non è nuovo alla pittura: ha partecipato più volte a “personali e collettive” ma ha sempre dipinto più per un’intima esigenza, per un bisogno istintivo che per calcolo di successo e velleità di carriera. E le immagini si decantano così in visioni, quasi con un distacco memoriale, in esiti tonali fra l’acquarello stinto ed il pastello, come antiche litografie sfiorite dal tempo.”
1969 Sabino Jusco
Professore di Storia dell’Arte
Liceo Artistico di Cagliari

Bibliografia
“Auditorium” (Cagliari 1967), “Sardegna Civiltà” di Adriano Vargiu, libro per le scuole medie (Capelli, Firenze 1974), “Guida di Cagliari” (1974-75), “Tortolì” di Angelino Usai (Seleni, Cagliari 1977), “Il Gabbiano Solitario” di Nicola Aste Rivano (Poddighe, Sassari 1976).
Patrimonio culturale della Sardegna