Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  grandi eventi  ›  arte  ›  ultime notizie  ›  un fine settimana visitando chiese, musei,...

Un fine settimana visitando chiese, musei, monumenti, siti archeologici

Torna l'appuntamento con Monumenti Aperti sabato 16 e domenica 17 maggio ad Alghero, Carbonia, Sestu, Sardara ed Arbus.

Alghero accoglie la settima edizione di Monumenti Aperti e, grazie al lavoro svolto dalle scuole cittadine, sarà possibile avvalersi di piccole ma valenti guide che accoglieranno il visitatore e lo porteranno alla scoperta delle meraviglie della città. La manifestazione si arricchisce per l'apertura di siti indediti e per l'animazione di numerose attività collaterali che animeranno il centro storico.

Carbonia offre al il suo vasto partimonio artistico, dell'Archeologia Storica, dell'Archeologia Industriale, dell'Architettura Razionalista e delle testimonianze della civiltà agropastorale precedente alla cultura mineraria della Città.
Associazioni e studenti animeranno la manifestazione accogliendo e guidando i visitatori. In questa occasione l'Amministrazione Comunale potrà far conoscere il proprio impegno nel processo che ha portato ad un sistema museale per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio collettivo comune: sarà possibile visitare il Museo Archeologico di Villa Sulcis e il Museo del Carbone inaugurato nel 2006 e ampliato lo scorso anno con la sezione antropologica.

Sardara partecipa a Monumenti Aperti per il quinto anno consecutivo con il suo patrimonio artistico attraverso visite guidate alle chiese della Beata Vergine Assunta, di Sant'Antonio, alla chiesa romanico – gotica di San Gregorio e a quella di Sant'Anastasia costruita su un'area sacra risalente a 3000 anni fa, senza dimenticare il compelsso nuragico di Santa Anastasia e il museo archeologico di Villa Abbas all'interno del quale sono custoditi I reperti archeologici ritrovati durante i vari scavi.

A Sestu quest'anno Monumenti Aperti giunge in occasione della festa di San Gemiliano (Santu Millaneddu), un'occasione per offrire ai neo residenti e ai visitatori un'approfondimento della conoscenza degli usi, dei costumi e delle tradizioni locali che, ancora oggi, mantengono uno stretto legame con un passato carico di magica ritualità.

Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero verde 800 88 11 88

Consulta la sezione Monumenti Aperti
Patrimonio culturale della Sardegna