Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  grandi eventi  ›  settimana santa  ›  ultime notizie  ›  a oliena si rinnova il rito di "s'incontru"...

A Oliena si rinnova il rito di "S'Incontru"

I riti della Settimana Santa di Oliena iniziano martedì 7 aprile alle 21 con il concerto della Polifonica Olianese "Triduum Sacrum" nella chiesa di Santa Maria. Durante il pomeriggio di giovedì 9 aprile si celebra Santa Messa in Coena Domini nella chiesa parrocchiale di S.Ignazio, seguita dall'Adorazione Eucaristica. Il Venerdì Santo è dedicato alla paraliturgia de S'Iscravamentu e alla processione del Cristo Morto. Sabato 11 aprile, alle ore 22, inizia la Veglia Pasquale e la domenica di Pasqua, alle ore 10.30 la popolazione saluta festosamente, durante il rito di S'Incontru, il Signore Risorto.

Introdotto dagli Spagnoli nel Quattrocento, per rappresentare l'incontro tra Gesù risorto e la Madonna, è il rito più importante di tutta la Settimana Santa. La mattina di Pasqua per le vie del paese si snodano diverse processioni in cui la statua della Madonna vestita a lutto va simbolicamente alla ricerca del figlio. Le due statue, quella della Madonna ricoperta di ex voto in oro e quella del Cristo con lo stendardo pieno di monili, escono rispettivamente dalla chiesa di San Francesco di Paola e dalla chiesa di Santa Croce. Prima dell'incontro tra Gesù risorto e la Madonna nella piazza davanti alla chiesa di Santa Maria, la gente si dispone ai due lati del corteo e dai balconi si spara a salve per festeggiare. Poco prima che i due cortei s'incontrino cala un assoluto silenzio. Il parroco è al centro della piazza e i portatori delle statue compiono tre genuflessioni (sos indrinucones): se i due gruppi si inginocchiano contemporaneamente sarà considerato di buon auspicio per l'abbondanza del raccolto.
Le confraternite che curano i riti della Settimana Santa sono quelle di Santa Maria, Santa Croce e San Francesco.

Le manifestazioni pasquali quest'anno sono arricchite da un persorso storico e museale di arte sacra, dall'apertura del villaggio nuragico "Sa Sedda 'e sos Carros" con visite guidate e, infine, dall'esposizione dei pannelli sui reperti archeologici della valle di Lanaitho con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura presso la Casa Rifugio "Sa Oche".

Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero verde 800 88 11 88

Consulta la sezione Settimana Santa di Oliena
Patrimonio culturale della Sardegna