La cultura può creare sviluppo: nasce l'associazione dei "Grandi Eventi"

Si chiama BES – Best Events Sardinia la neonata associazione dei “Grandi Eventi” della Sardegna. Festival, Carnevali, Settimane Sante: sono già 28 i soggetti del Progetto Bes – Best Events Sardinia che hanno aderito e altri stanno entrando. La presidenza è affidata ad Angela Nonnis, sindaco di Oristano e Presidente della Fondazione “Sa Sartiglia”, che organizza lo storico carnevale equestre.

L’obiettivo è fare rete per promuovere eventi e territori, la stessa mission del progetto regionale Bes (POR 2000-2006), avviato nell’ottobre del 2006 e in scadenza nell’ottobre del 2008. L’idea di fondo è la stessa: la cultura può offrire alla Sardegna una chance di sviluppo e le realtà che la producono possono trarne benefici concreti se diventano protagonisti.

Far conoscere ad un viaggiatore colto e consapevole le risorse culturali dell’isola equivale a convincerlo a venire a vedere con i proprio occhi.
Alcune ricerche e rilevazioni, fatte dal Progetto Bes negli ultimi due anni durante lo svolgimento degli eventi, infatti, hanno misurato gli effetti positivi dell’attività di promozione. Sono state portate avanti azioni di comunicazione e promozione, marketing territoriale, marketing diretto, relazioni media, pianificazioni media in Italia e all’estero, partecipazione a fiere nazionali e internazionali.

Esempi di rete tra gli eventi sono stati anche il Contact Center Bes 800 88 11 88 (numero verde attivo dall’Italia in grado di fornire informazioni in più lingue su eventi e territorio), il Contact Center 00 800 888 999 00 (numero verde attivo da Francia, Gran Bretagna e Germania), le relazioni media sulla stampa nazionale, il sito sardegnacultura.it/grandieventi, le proposte turistiche collegate agli eventi.

Ora tutto questo sarà in mano ai soggetti che in Sardegna si occupano di cultura e spettacolo. L’associazione Bes sarà una realtà aperta, in grado di promuovere sia le manifestazioni culturali che i territori, provvedendo autonomamente al proprio bilancio grazie alle quote associative, ma anche ad attività di fund raising, sponsorizzazioni, partecipazioni a bandi pubblici. La messa in rete dei servizi permetterà di razionalizzare le spese, di valorizzare al meglio i contributi pubblici già oggi erogati e di offrire un supporto adeguato a tutti i soci.

“Siamo in una fase importante del percorso finalizzato a dare valore ai protagonisti della promozione culturale in Sardegna”, ha detto Roberto Calari, responsabile del Progetto Bes. Soddisfatto anche il presidente Nonnis che ha precisato: “Per la prima volta gli enti e le associazioni che organizzano grandi eventi culturali decidono di allearsi e di creare una rete”.
Tra i soggetti che fanno parte dell’associazione c’è anche la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari. “Abbiamo aderito a questo importante progetto forti anche della certezza che solo lavorando seriamente si possa realmente rendere giustizia al patrimonio culturale della Sardegna.", ha sottolineato il Sovrintendente Maurizio Pietrantonio.
A novembre prossimo è prevista la presentazione ufficiale dell’associazione, dei suoi membri e dei programmi.

elenco completo