Gianni Polinas, Preghiera, 2005

Gianni Polinas

Biografia
Nato a Bonnanaro (SS) nel 1965, vive lavora ad Olbia e Sassari.
Dipinge i primi quadri ad olio. A tredici anni, da autodidatta. Successivamente frequenta il laboratorio del Maestro Lorenzo Salice, già allievo di Giorgio Morandi.
La sua espressione artistica nel tempo, abbraccia la pittura figurativa ed astratta, la fotografia, l'installazione, la scrittura.
Nel 2002 crea il primo pezzo della serie LibriLiberi. Libri trasformati, spogliati dalle parole che li ancorano ad un confine, allontanati dalla serie numerica nella quale erano stati prodotti, comunicano con la forza intrinseca nell'oggetto, nella materia, nel colore.

Galleria fotografica


Mostre personali
2007 - Aggius (OT), Museo Etnografico, racconto e installazione
2007 - Banari (SS), Museo dArte Contemporanea, "Storia di foglie", installazione e poesia
2006 - Perfugas (SS), Pozzo Sacro, "Trama del Tempo" , con Accademia Brera (MI), installazione e performance
2006 - Tivoli (RO), cave del Barco, "Lezione della Terra", installazione
2005 - Cagliari, Exmà, "Filo e Ferro", fotografia
2005 - Villa S. Antonio (OR ), sito archeologico, "Preghiera" installazione con Accademia Brera (MI)
2004 - San Pantaleo (SS), "Ferita", installazione
2003 - Arzachena (SS), "ZENdelMARE", pittura e installazione
2002 - Sassari, GenesiGallery, "Acqua tagliata", installazione

Mostre collettive
2006 - Siligo (SS), Museo Maria Carta, "Il viaggio di Maria", fotografia e installazione
2005 - Cagliari, EXMA' centro Arte e cultura, "Industriale Arte in Fabbrica", installazione
2004 - Venezia, VIII salone dei beni e delle attività culturali
2004 - Sassari, MASEDU - Museo Arte Moderna e Contemporanea, "Pagina nuova", installazione
2004 - Roma, piazza del Popolo, Sale del Bramante
2002 - Bruxelles, Théatre Saint Michel
2001 - Firenze, Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento

Testo critico
Presentazione in catalogo Industriale "Arte in Fabbrica Exmà '05"
Oggi il tema intorno al quale ruota l'opera di Gianni Polinas è la natura.
Mediante la sua indagine tecnica e poetica, l'artista afferma la necessità di un ritorno alle origini , quale unica possibilità di equilibrio tra l'uomo e l'ambiente. Di qui la sua attenzione costante alla terra natia, la Sardegna, di cui rievoca la bellezza e le antiche tradizioni.
L'interesse per il territorio si traduce anche in installazioni e performance.
Minimale il linguaggio scelto da Polinas, per ricordare gli incendi che ogni anno devastano l’isola; sacchetti di plastica che, come reperti della memoria, conservano la cenere di un albero, o di un arbusto della macchia mediterranea.
Angela Sanna

"Chiavi di Ichnos"
I siti archeologici s'offrono oggi all'arte contemporanea, a coloro in grado di interpretare il genius loci , di assimilare come un alimento le suggestioni emanate da esso , e tradurle in forma. Rinnovando il suo legame profondo e ancestrale che lo ancora alla natura e al territorio, Gianni Polinas, nella sua installazione "trama del tempo" pone le pietre e l'ingegno dell'uomo, al centro del suo lavoro, legandole con dei fili, costruisce una trama sospesa nel vuoto e protesa verso l'alto.
Santa Nastro

elenco completo