Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  argomenti  ›  arte  ›  contemporanea  ›  artisti contemporanei  ›  ferdinando medda

Ferdinando Medda

Ferdinando Medda, Frammenti di antiche culture, 2007 Ferdinando Medda, Frammenti di antiche culture, 2007
Biografia
Ferdinando Medda nasce a Serramanna (Ca) il 25 ottobre 1948. Diplomatosi nel 1969 all'Istituto d'Arte di Oristano, completa i suoi studi a Milano all'Accademia di Belle Arti di Brera studiando Scultura con Luciano Minguzzi. Rientra in Sardegna nel 1976 dopo numerosi viaggi culturali in Italia e all'estero. Convinto della validità dell'arte pubblica popolare realizza numerosi murales nei paesi dell'isola. Si occupa inoltre di scultura e ceramica attingendo ai segni delle culture arcaiche che sono presenti nella sua isola. Nel 1978 realizza il suo primo lavoro con un bassorilievo in bronzo e cemento nel porto di Oristano, dedicato al progettista ing. Guido Ferro. Nel 1982 realizza a Villamar la piazza e il monumento ai caduti, dello stesso periodo è la grande scultura realizzata ad Arbus per il monumento al minatore. Insegna Discipline Plastiche all'Istituto d'Arte di Nuoro.

Galleria fotografica
  • Ferdinando Medda, Menhir (studio per un tappeto), 2007
  • Ferdinando Medda, Frammenti di antiche culture, 2007
  • Ferdinando Medda, Menhir, 2007
  • Ferdinando Medda, Frammenti di antiche culture, 2007
  • Ferdinando Medda, Menhir (granito), 2007
  • Ferdinando Medda, Il custode del passato, 2007
  • Ferdinando Medda, A guardia delle domus, 2007


Mostre personali
2006 - Osidda, "Omaggio a Vico Mossa"
2000 - Nuoro, Casa Cicalò
1997 - Nuoro, Galleria Comunale, "Antologica"
1996 - Orgosolo, ex Biblioteca Comunale
1994 - Paulilatino, Biblioteca Comunale
1994 - Orotelli, Casamuseo
1992 - Ollolai, Biblioteca Comunale
1991 - Austis, Biblioteca Comunale
1991 - Macomer, Biblioteca Comunale
1990 - Oniferi, Sala Consiliare

Pitture rupestri
1994 - Orotelli, "Occhi"
1983 - Austis, "La valle delle dormienti"

Murales
Serramanna, Villamar, Posada, Austis, Orgosolo, Arbus, Oliena, Thiesi, Villagrande, Atzara, Serrenti, Uras, Samassi, Sardara, Las Plassas, Suelli, Sedilo, Oniferi, Ovodda, Santa Lucia, Nuoro, Orotelli, Bosa, Fonni, Modena, Irgoli, Bultei, Buddusò.

Bibliografia
A. Cossu in La grotta della vipera, autunno-inverno 1982;
R. Mannironi, Arte Murale in Sardegna, Milano, Incas, 1984;
G. Fiori, Vita di Enrico Berlinguer, Roma-Bari, Laterza, 1989;
Esse come Sardegna, 1° trimestre 1991;
W. Paris, 1° Simposio di Pittura Murale, Buddusò, Comune di Buddusò, 1995;
S. Naitza, Murales in Sardegna, Bosa, Edizioni Unca, 1996;
D. Turchi, in Sardegna Mediterranea, ottobre 1997;
P. Rubanu, G. Fistrale, Murales politici della Sardegna, Bolsena, Massari Editore, 1998;
Y. Barnoux, Murales della Sardegna, Cagliari, Ettore Gasperini Editore, 2001;
G. Altea, E. Sturani, M. Gatta, Nel segno del libro. Storia e attualità del segnalibro reinventato da cento artisti della Sardegna, Nuoro, Ilisso, 2006.
Patrimonio culturale della Sardegna