Italo Medda, Legno e terracotta, 1986

Italo Medda

Biografia
Nasce a Roma il 26 ottobre del 1939.
Si diploma in Maturità Classica e Maturità Artistica.
Frequenta corsi di restauro, di ceramica e per figurinisti. Stages su fabbricazione e utilizzo della cartapesta, di Teatro gestuale, di Costruzione e utilizzo teatrale dei burattini.
È docente di disegno e storia dell'arte, si interessa di scenografia e costumi teatrali, partecipando (anni '70) all'attività di gruppi teatrali e promuovendo nella scuola un pluriennale esperimento di teatro con gli studenti.
Ha condotto vari seminari e corsi per insegnanti e operatori culturali sul teatro per ragazzi e tecniche teatrali. Ha coperto la cattedra di scenografia al corso professionale per danzatori CEE - RAS.
Espone dagli anni '60, e svolge tuttora molteplici attività nell'illustrazione, nella grafica, nella promozione artistica e culturale (ha collaborato tra l'altro alla trasmissione di RAI 3 "Qualche cenno sull'universo").
Si interessa anche di Mail Art e di Libri d'Artista. Ha partecipato con sue poesie a concorsi nazionali ottenendo segnalazioni e premi. È tra i fondatori del Gruppo 91 e dell'Associazione Culturale Rainbow, di cui cura anche il bollettino Informart magazine e la programmazione artistica della galleria G28 di Cagliari. Fonda con Placido Cherchi la collana d'arte Stagioni per Zonza Editore. Ha realizzato opere pittoriche, in gran parte acquerelli, opere in ceramica e attualmente la ricerca è rivolta alla carta, non come supporto pittorico ma unica materia, essenza, strumento espressivo dell'opera.
È in corso di realizzazione la pittura murale e pannello in ceramica presso il Paese Museo di San Sperate (1997/99); Grande figura sospesa in lamiera zincata, zona Miluneddu, Sassari.

Galleria fotografica


Mostre personali
2004 - Cagliari, Galleria G28, "Esercizi di ammirazione"
2002 - Cagliari, Galleria G28, "Dentro e fuori il musical"
2002 - Calasetta, Museo civico, "Acquerelli"
2001 - Cagliari, Galleria G28,, "C'Arte d'Autore"
2000 - Caltanissetta, Galleria Comunale di Montedoro
1998 - Sassari, Centro culturale Kairos, "Risonanze"
1998 - Cattolica, Teatro della Regina, "Libri d'artista nel foyer"
1998 - Pula, Decen-tronora gallery, "Acquerelli"
1997 - Cagliari, Galleria G28, "Artisti a confronto"
1997 - Castel San Pietro Terme, Sala Ex Fienile

Mostre collettive
2006 - Cagliari, Cittadella dei Musei, "25 aprile - 60 anniversario"
2006 - Foggia, Museo Civico, "Rassegna internazionale di opere di carta TracArte", a cura di Loredana Rea e Stefania Severi
2004 - Serrapetrona, Museo Civico, "Omaggio alla carta", a cura di Stefania Severi
2003 - Pieve di Cento, Museo d'arte delle Generazioni italiane del '900 G. Bargellini, "Scenari dell'imagerie", a cura di Giorgio Di Genova
2001 - Roma, Museo Nazionale delle Arti e delle Tradizioni popolari, "Il pianeta carta nel III° millennio"
1999 - Sermoneta, Palazzo Civico, Rassegna d'arte contemporanea "Eventi '99", a cura di Guglielmo Gigliotti
1998 - Parigi, 5emé Salon Int. du Collage Contemporain, "Artcollé"
1994 - New York, Manhattan, ExpòArt Javits Center
1982 - Dallas, National Museum of Art, "Expò Art"
1964 - Iglesias, "VI rassegna nazionale"

Premi e riconoscimenti
1998 - Forlì, "I Premio Letterario Nazionale Foriliviensis", segnalazione
1996 - Bologna, "VI Concorso Nazionale di poesia Luigi Spina", 2° premio
1986 - Muravera, Free Beach Club, "II Rassegna Internazionale ", 6° premio
1985 - Muravera, "1° Rassegna Nazionale Free Beach Club", 1° premio
1963 - Oristano, "Mostra Regionale Centro Studi Arborensi", 3° premio
1962 - "Mostra Regionale di Arte Sacra", 1° premio

Testo critico
"[…] È dunque alla luce degli interrogativi disseminati a piene mani tra le pieghe del suo "fare" che si capisce come la finesse del pittore sia uno stile di pensiero, un passo felpato che sa avvicinare dimensioni inaccessibili, un parlare sommesso che conosce le profondità del silenzio. Non so se, nel panorama della cultura figurativa isolana (e non solo di questa), possano essere rintracciati equivalenti altrettanto alti di una finesse così sottile e così ricca di esiti lirici. Ho l'impressione che, nei futuri bilanci della produzione artistica legata alla stagione che sta per chiudere il millennio, sarà necessario parlare di Italo Medda e del contributo che la sua pittura riesce a dare al problema della "mediazione [...]".
Placido Cherchi, "Italo Medda, poeta della finesse", in Il recupero del significato, Sestu, Zonza, 2001.

Bibliografia
M. Marini, "Italo Medda, pittore, vignettista, poeta", in Storie, 1996, 22/23;
P. Cherchi, Il recupero del significato, Sestu, Zonza, Cagliari, 2001;
M. D. Picciau, Italo Medda. C'Arte d'Autore, Sestu, Zonza, 2001;
P. Cherchi, Italo Medda. Esercizi di ammirazione, Sestu, Zonza, 2004;
M. D. Picciau, Tracce nell'acqua, Cagliari, Condaghes, 2004.


elenco completo