Manlio Masu, Ragazza sul divano, 1994

Manlio Masu

Allievo di Giovanni Ciusa Romagna nella materia Disegno e Storia dell'Arte, durante l'attività di insegnante approfondisce lo studio del paesaggio in pittura.

Biografia
Nasce a Olbia il 24 ottobre 1935. Nel 1955 consegue il diploma magistrale a Nuoro. Allievo di Giovanni Ciusa Romagna nella materia Disegno e Storia dell'Arte. Durante l'attività di insegnante elementare in diversi paesi della Provincia di Sassari, approfondisce da autodidatta lo studio del paesaggio in pittura.
Partecipa fin dai primi anni '60 a rassegne regionali e nazionali e a concorsi d'arte conseguendo premi e riconoscimenti. Dagli anni '70 espone con mostre personali nelle principali gallerie di Sassari, Nuoro e Cagliari e con due personali a Reggio Emilia e Terni.
Dalla metà degli anni '70 sviluppa il tema della figura femminile, inserita spesso nel paesaggio e nelle marine o in scene di interni di contenuto intimista.
Nel 1977 realizza su commissione "La Crocifissione", monumentale pala dell'altare della chiesa di San Giovanni Bosco in Alghero; per la stessa chiesa progetta e segue a Verona la realizzazione della vetrata artistica della cupola.
Nel 2002 realizza su commissione cinque pannelli di grandi dimensioni sulla Passione e Resurrezione di Gesù per la chiesa di San Giovanni Battista in Nuoro.
Progetta la vetrata artistica del rosone della facciata della chiesa di San Bernardino in Mogoro.
Nel 2006 dipinge una delle 14 lunette della Biblioteca di Santa Maria di Bethlem a Sassari.
Attualmente è impegnato alla realizzazione di un'opera pittorica di grande formato per il Museo di arte della Fondazione Logudoro Meilogu di Banari.
In preparazione una serie di dipinti per una personale che terrà a Cagliari presso la Galleria di Arte moderna 13.

Galleria fotografica


Mostre personali
2004 - Sassari, La Frumentaria, "Manlio Masu: opere 1977-2004"
2003 - Alghero, "El Fuego. Il poeta, il pittore, la città. Omaggio a Carles Duarte"
2002 - Cagliari, Galleria d'arte moderna 13
2002 - Nuoro, Galleria il portico
1997 - Ozieri, Centro Culturale San Francesco
1990 - Cagliari, Galleria d'arte moderna 13
1987 - Sassari, Galleria Il cancello
1987 - Olbia, Galleria Guernica
1984 - Cagliari, Galleria d'arte moderna 13
1981 - Nuoro, Galleria il portico

Mostre collettive
2006 - Sassari, "Il segno nel libro"
2006 - Melbourne, "Sedici sguardi una rassegna. Sardiniae corpus, Sardiniae figura"
2004 - Banari, "Le stanze dell'eros"
2003 - Ozieri, "Sedici sguardi una rassegna"
2000 - Alghero, Palazzo Comunale, "Encontres"
1999 - Alghero, Palazzo Comunale, "Encontres"
1997 - Cagliari, "Vivi Castello"
1994 - Sassari, BNL, "Telethon"
1980 - Cagliari, "Rassegna regionale arti figurative"
1980 - Alghero, "Centroforme"

Premi e riconoscimenti
1997 - Padru, Rassegna "Isole: Sardegna e Corsica", 2° classificato
1991 - Arzachena, "Premio Città di Arzachena", 1° classificato
1989 - Alghero, "Una sera per l'arte"
1987 - Alghero, "Arte città Antologica"
1987 - Fertilia, "Premio San Marco", 3° classificato
1984 - Sassari, A.I.C.S. 2° Estemp. Nazionale di Pittura "Città di Sassari" 2° classificato ex aequo
1975 - Amantea, "Premio internazionale Nepetia", 1° classificato ex aequo
1974 - Orosei, "Premio Città di Ozieri", 1° classificato

Testo critico
"[…] In Masu il tema delle bagnanti percorre la sua produzione a modo di leitmotiv. Espressione di un potente mistero fisico, esse traducono nel movimento sospeso quasi un simbolo segreto, dando l'impressione dell'arcano in pieno giorno. Lo spazio ambiguo: lo attraversa l'imminenza di una rottura nell'ordine delle cose, la minaccia di uno strappo incombente, che interdica ogni slancio, corrompa credenze e illusioni. La mano inquieta dell'artista traccia i segni che esprimono questa paura del cuore: orizzonti turbati di cieli quasi sempre nuvolosi o velati, di mare raggelato in toni freddi d'azzurro. Ma il movimento centrifugo che porterebbe l'occhio a perdersi nell'aperto, viene sovrastato, forse impedito, da un movimento più forte, dominante, che lo riporta al punto di partenza, sicché l'estensione del mondo ripiega d'immediato nella sicurezza tutelare delle figure in primo piano […]"
Giulia Lanciani

Bibliografia
Encontres. Incontri di fine '900, catalogo della mostra, a cura di M. Cosseddu, Alghero 2000;
Sedici sguardi, una rassegna. Sardiniae corpus Sardiniae figura, a cura di E. Monesi, Ozieri, Associazione Sandro Pertini, 2003;
Il pittore, il poeta, la città, catalogo della mostra, a cura di Giulia Lanciani, Alghero 2003;
La Frumentaria, catalogo della mostra, a cura di M. Cosseddu, Sassari 2004;
G. Altea, E. Sturani, M. Gatta, Il segno nel libro. Storia e attualità del segnalibro reinventato da cento artisti della Sardegna, Nuoro, Ilisso, 2006.

elenco completo