Frantziscu Demartis

Nasce a Mores il 3 gennaio del 1884 e comincia a esibirsi nelle piazze, al termine della Grande Guerra, insieme con Tucone, Sassu, Fadda, Pulina e Ciciu Piga. Resta tutta la vita celibe, legato al lavoro della sua terra e all'uso del costume sardo come abito quotidiano. La sua vita si fa difficile negli anni del fascismo. È ritenuto autore di alcuni versi irrispettosi nei confronti del Duce e si aliena le simpatie di parecchi "printzipales" che contano nei villaggi del Logudoro. La polizia fa una visita nel suo podere e ritrova degli esplosivi. Tanto basta per farlo finire in galera. Frantziscu Demartis non si arrende però e si considera una sorta di prigioniero politico del regime. In merito alla sua attività artistica si ricorda il suo fine argomentare e la capacità di sviscerare gli argomenti in maniera precisa e puntuale tanto da mettere in difficoltà anche i suoi più esperti avversari. L'ultima sua gara in piazza si disputa a Guspini nel 1964. Muore nel suo paese natale nel 1968 all'età di 84 anni.




elenco completo