Barore Testone

Il paese di Bonorva è uno di quelli che più di altri ha messo a punto una scuola "impropria" di poesia (come direbbe Michelangelo Pira) che ha poi prodotto talenti poetici di sicuro avvenire e qualità. Uno di questi è Barore Testone, nome entrato nella storia e perfino in quella sorta di aurea mitologica che avvolge i cantadores della fine dell'Ottocento e dei primi del Novecento nell'isola. Le notizie certe su questa figura di vate popolare non sono molte. Alcuni sostengono che fosse analfabeta, altri che invece era dotato di una cultura profonda che coltivava leggendo ogni giorno. Nella leggenda sono entrate alcuni suoi duelli con Gavinu Còntene di cui dà conto anche Paolo Pillonca nel suo "Chent'annos, cantadores a lughe 'e luna" riportando due famose ottave. Còntene attacca. <Testone, ses testardu e ses testuggine/ e chen'alas no podes bolu istèrrere./ As un'ispada piena 'e ruggine/no servit ne a pùnghere ne a fèrrere./ Torlonia at sicu su lagu 'e Fuggine/, deo sicare a tie dia chèrrere/ Torlonia at ispesu pro su lagu/ ma pro sicare a tie ispendo pagu.>. Testone risponde. <Gavinu est unu raju'e sole ardente/ chi sicat dogni riu, 'ogni canale./ Tentu sa fama as in su continente/ in s'istadu potente imperiale. Ma si as sicu su lagu puzzolente/ no la sicas sa vena naturale/ ca sa vena 'e Testone est unu Po:/ b'ispendes meda e no la sicas, no.>. Muore nel 1945.




elenco completo