Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  luoghi della cultura  ›  monumenti  ›  provincia di oristano  ›  aidomaggiore, nuraghe sanilo

Aidomaggiore, Nuraghe Sanilo

Come arrivare
Il nuraghe si trova all'altezza del km 7 della provinciale Borore-Sedilo, poco distante dalla sede stradale, sulla destra.

Il contesto ambientale
Il monumento è nel costone basaltico, a una quota di 350 m s.l.m.

Descrizione
Il monumento è costituito da una torre centrale alla quale si appoggia, nel quadrante esposto a NO, una seconda torre diroccata.
La torre principale, costituita da blocchi di basalto di diverse dimensioni, si conserva per un'altezza massima residua di circa 8 metri. Il luogo di erezione del monumento venne parzialmente livellato attraverso l'uso di enormi blocchi basaltici che, nell'arco esposto a S, si prolungavano poi a costituire un altro ambiente, forse un'altra torre.
L'ingresso al monumento, avviluppato dalla fitta vegetazione, è volto verso E. Il corridoio retrostante ha pareti aggettanti: sulla parete d. vi si apre una nicchia, mentre su quella di s. si ha l'apertura della scala d'andito. La camera, di pianta circolare, risulta marginata da due nicchie affrontate. La scala, percorribile agevolmente fin quasi alla fine del suo sviluppo, conduceva alla camera superiore. Questa, di pianta circolare, presenta una nicchia da cui si diparte uno stretto cunicolo discendente che conduce ad un piccolo vano posto sopra il corridoio d'ingresso, illuminato da una feritoia.
Dalla torre secondaria, svettata, si diparte - in direzione S - un corpo murario che rifascia parzialmente quel lato della torre e nel quale si sviluppava il corridoio di accesso alla torretta medesima. Un esteso villaggio, indiziato in superficie da pietrame e da numerosi reperti ceramici, si estendeva attorno al nuraghe.

Storia degli studi
Il nuraghe è segnalato in un manuale del 1985.

Bibliografia
M. Sequi, Nuraghi. Manuale per conoscere 90 grandi torri megalitiche della Sardegna, Robbiate, Multigraf, 1985.
Patrimonio culturale della Sardegna