Area di Tharros

Cabras, Area archeologica di Tharros

Informazioni
Indirizzo: SP 6 - 09072 Cabras - località Tharros, San Giovanni di Sinis
Tel. +39 0783 370019
Ente gestore: Società Cooperativa Penisola del Sinis
Orari:
Novembre-Marzo
MA-DO 09:00-17:00
Aprile-Maggio
LU-DO 09:00-18:00
Giugno-Luglio
LU-DO 09:00-19:00
Agosto
LU-DO 09:00-20:00
Settembre
LU-DO 09:00-19:00
Ottobre
LU-DO 09:00-18:00
Aperto nei giorni festivi eccetto il 25 Dicembre e il 1 Gennaio.
Biglietto:
Intero - euro 6,50 - adulti dai 18 ai 64 anni
Cumulativo intero - euro 12,00 - adulti dai 18 ai 64 anni, visita Tharros, Museo Civico Giovanni Marongiu e Torre di San Giovanni
Cumulativo intero - euro 10,00 - adulti dai 18 ai 64 anni, visita Tharros e Museo Civico Giovanni Marongiu
Cumulativo intero - euro 8,50 - adulti dai 18 ai 64 anni, visita Tharros e Torre di San Giovanni
Ridotto - euro 5,00 - studenti sino ai 26 anni muniti di tesserino o libretto universitario valido, adulti oltre i 65 anni, gruppi di almeno 20 persone
Cumulativo ridotto - euro 9,00 - studenti sino ai 26 anni muniti di tesserino o libretto universitario valido, adulti oltre i 65 anni, gruppi di almeno 20 persone, visita Tharros, Museo Civico Giovanni Marongiu e Torre di San Giovanni
Cumulativo ridotto - euro 7,50 - studenti sino ai 26 anni muniti di tesserino o libretto universitario valido, adulti oltre i 65 anni, gruppi di almeno 20 persone, visita Tharros e Museo Civico Giovanni Marongiu
Cumulativo ridotto - euro 6,50 - studenti sino ai 26 anni muniti di tesserino o libretto universitario valido, adulti oltre i 65 anni, gruppi di almeno 20 persone, visita Tharros e Torre di San Giovanni
Ridotto - euro 3,50 - minori fino ai 17 anni, scolaresche
Cumulativo ridotto - euro 6,00 - minori fino ai 17 anni, scolaresche, visita Tharros, Museo Civico Giovanni Marongiu e Torre di San Giovanni
Cumulativo ridotto - euro 5,00 - minori fino ai 17 anni, scolaresche, visita Tharros e Museo Civico Giovanni Marongiu
Cumulativo ridotto - euro 4,50 - minori fino ai 17 anni, scolaresche, visita Tharros e Torre di San Giovanni
Gratuito - minori fino ai 5 anni, disabili e accompagnatore, guide turistiche, membri dell’ICOM, professori, ricercatori e studenti universitari di materie inerenti l’archeologia e i beni culturali, giornalisti, archeologi.
E-mail: info@tharros.sardegna.it
Sito web: https://www.tharros.sardegna.it - www.penisoladelsinis.it
Facebook: https://it-it.facebook.com/tharrosareaarcheologica
Twitter: https://twitter.com/Tharros

Il contesto ambientale
Tharros sorge all’estremità meridionale della penisola del Sinis. Si dispiega nel Golfo di Oristano su una sorta di anfiteatro naturale delimitato a nord dalla collina di Su Muru Mannu, a ovest da quella della torre di S. Giovanni e a sud dall’istmo che collega quest'ultima al promontorio di Capo S. Marco.

Descrizione
Tharros fu fondata verso la fine dell'VIII secolo a.C. e venne abbandonata attorno all'anno 1050 d.C. per dare origine ad Aristiane, l'attuale Oristano.
Quello che è visibile della città si riferisce principalmente alla sua fase romana imperiale, ma rimangono anche monumenti della precedente epoca punica, di rilevante interesse.
Tra questi spicca il sistema delle fortificazioni settentrionali, composte da due alti paramenti murari in grandi pietre lavorate, che compongono un ampio fossato, accessibile dal lato dell'abitato mediante postierle, una delle quali, scavata, in ottimo stato di conservazione dalla base sino alla copertura a lastre poste a doppio spiovente.
L'aspetto principalmente caratterizzante è dato, sul colle meridionale, dalle lunghe strade che portano in discesa sino al centro vero e proprio, distinguendo isolati ed edifici monumentali, come le grandi terme poste proprio al limite con la zona pianeggiante. In questa spicca il "tempio delle semicolonne", di età punica. Ricavato nella roccia naturale, è costituito da un alto podio gradonato, il cui perimetro, perfettamente lisciato, è ornato da semicolonne scolpite a basso rilievo.
Il settore urbano adiacente al mare presenta edifici pubblici, come le Terme di Convento Vecchio, in buono stato di conservazione, che conservano gli ambienti originari, con le vasche per l'immersione. Salendo il pendio del colle che porta alla torre spagnola di San Giovanni si incontra una piccola struttura templare di epoca tardo punica, il "tempio delle iscrizioni".

Servizi
Bookshop, visite guidate.

Consulta le pagine
Basilica e battistero di Tharros
Chiesa di San Giovanni di Sinis
Ipogeo di San Salvatore
Torre di San Giovanni
Museo Civico "Giovanni Marongiu"
Città fenicio-punica di Tharros
Città romana di Tharros
Monumenti romani di Tharros

Storia degli scavi
Le indagini del sito presero avvio nel 1838 ad opera del marchese Scotti e del gesuita Perotti. Nel 1842 uno scavo voluto dal re di Sardegna Carlo Alberto arricchì di monete d'oro, gioielli e scarabei le collezioni reali di Torino. Grazie al re si ottenne il divieto di scavi clandestini finalizzati all'illecito arricchimento. Nel 1851 Lord Vernon, un inglese che compiva il "Gran Tour" d'Italia, scavò 14 tombe a camera ipogea e, tra l'altro, trovò molti gioielli, che portò con sé in Inghilterra. Le scoperte destarono l'interesse degli abitanti della vicina Cabras che violarono circa 500 tombe. Nel 1860 l'allora direttore del museo di Cagliari, Gaetano Cara, scoprì alcune tombe puniche contenenti ricchi corredi, che sottrasse e offrì ai principali musei di Europa vendendoli infine al British Museum di Londra. Dal 1956 al 1964 Gennaro Pesce portò alla luce parte dell'abitato a est della torre di S. Giovanni e, verso nord, l'area del tofet. Ferruccio Barreca, nel 1958, individuò il tempietto sull'estremità del Capo S. Marco e, dal 1969 al 1973, continuò gli scavi dell'abitato, delle fortificazioni e del tofet. Quest'ultima area fu indagata in collaborazione con Enrico Acquaro.

Bibliografia
G. Pesce, "Tharros", in Enciclopedia dell’arte antica, classica e orientale, VI, Roma 1966, pp. 800-806;
E. Acquaro - C. Finzi, Tharros, collana "Sardegna archeologica. Guide e itinerari", 5, Carlo Delfino, Sassari, 1986;
R.D. Barnett - C. Mendleson, Tharros. A Catalogue of Material in the British Museum from Phoenician and Other Tombs at Tharros, Sardinia, British Museum, London 1987;
M. Falchi, "Analisi della configurazione urbana di Tharros", in Tharros, a cura di P. Desogus, Nuoro, 1991, pp. 23-37;
R. Zucca, Tharros, Oristano, G. Corrias, 1993;
E. Acquaro, C. Finzi, Tharros, collana "Sardegna archeologica. Guide e itinerai", 5, Sassari, Carlo Delfino, 1999.

Galleria fotografica


Come arrivare
Dalla frazione di San Giovanni di Sinis proseguire verso S per 1 km ca. sulla SP 6.