Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  luoghi della cultura  ›  monumenti  ›  provincia di nuoro  ›  birori, tomba di giganti di palatu

Birori, tomba di giganti di Palatu

Come arrivare
Il monumento, facilmente individuabile, è ubicato nella periferia del paese, nel quartiere omonimo.

Il contesto ambientale
Il monumento sorge all'interno del centro abitato di Birori, ai piedi della catena del Marghine, nella Sardegna centro-settentrionale.

Descrizione
La tomba, orientata lungo l'asse NO/SE, con ingresso a SE, è costituita da un corpo tombale allungato e absidato (lunghezza m 14,50; larghezza m 4,00-4,30) preceduto da ampia esedra (corda m 11,70; freccia m 3,25).
Lo spessore murario del corpo tombale, così come quello delle ali dell'esedra, è costituito da pietrame minuto.
Il corridoio funerario rettangolare (m 11,55 di lunghezza; larghezza m 1,10 di media e m 0,55 all'ingresso) è costruito con grandi lastroni ortostatici di base sui quali poggiano filari aggettanti di pietre di medie dimensioni appena sbozzate; la copertura è a piattabanda, mentre il pavimento doveva essere in origine lastricato, così come, forse, lo era parte dell'esedra.
Il vano funerario presenta due nicchie quadrangolari contrapposte ricavate nello spessore murario in prossimità dell'ingresso: la nicchia a s. (m 0,85x0,60x0,84 di altezza) è formata da tre lastroni ortostatici per lato e da uno di piano, ben lavorati e connessi; la nicchia a destra presenta i lati del tutto simili alla precedente, mentre il piano risulta leggermente sopraelevato (cm 30) e composto da due pietre lavorate rozzamente e affiancate con poca cura.
Dell'esedra si conservano attualmente otto ortostati (altezza m 2,25-1,25; spessore medio m 0,30; larghezza m 1,10-1,75) - quattro per parte - e una modesta porzione della parte inferiore della grande stele centinata che segnava l'ingresso alla camera funeraria.
Lungo il profilo esterno dell'esedra correva il sedile - composto da blocchi di medie dimensioni affiancati - che lo scavo ha dimostrato essere posteriore all'impianto della tomba.

Storia degli scavi
La tomba fu scavata da Alberto Moravetti nel 1982.

Bibliografia
A. Moravetti, "Notiziario Sardegna", in Rivista di scienze preistoriche, XXXVI, 1981, pp. 360-64;
A. Moravetti, Il patrimonio archeologico del Comune di Birori: piano particolareggiato di censimento, valorizzazione e fruizione, Cagliari, Pisano, 1985, fig. 8;
A. Moravetti, "Le tombe e l'ideologia funeraria", in La civiltà nuragica, Milano, Electa, 1990, p. 123, fig. 135, n. 132, p. 134, figg. 148-149;
A. Moravetti, "La tomba di giganti di Palatu (Birori, Nuoro)", in Nuovo bullettino archeologico sardo, I, 1984, pp. 69-96;
G. Lilliu, La civiltà dei Sardi dal paleolitico all'età dei nuraghi, Torino, Nuova ERI, 1988, p. 319 ss.;
A. Moravetti, Ricerche archeologiche nel Marghine Planargia, I, collana "Sardegna archeologica. Studi e monumenti", Sassari, Carlo Delfino, 1998, pp. 296-297.
Patrimonio culturale della Sardegna