Museo Archeologico esterno

Dorgali, Civico Museo Archeologico

Archeologia

Informazioni
Indirizzo: via A. Lamarmora, s.n.c. - 08022 Dorgali
Cell. +39 348 4780104
Ente titolare: Comune di Dorgali
Ente gestore: Società cooperativa Ghivine del Gra
Orari:
Ottobre-Aprile
MA-DO 09:30-13:00 e 15:30-18:00
Maggio-Settembre
MA-DO 09:30-13:00 e 16:00-19:00
Biglietto:
Intero - euro 3,00 - adulti
Ridotto - euro 1,50 - minori dai 6 ai 17 anni, gruppi scolastici, adulti oltre 65 anni, gruppi escursionistici con guida
Ridotto - euro 1,00 - visitatori di: Nuraghe Mannu, Serra Orrios,Tiscali, mediante esibizione del biglietto
Cumulativo intero - euro 6,00 - adulti, per visita al Museo Archeologico di Dorgali, NuragheMannu e Serra Orrios
Gratuito - minori sino ai 5 anni, disabili e accompagnatori, studenti di Archeologia o Beni Culturali, archeologi, professionisti, docenti universitari, soci dell’ICOM International Council of Museums, personale del MiBACT, visitatori di: Grotta del Bue Marino, Grotta di Ispinigoli, mediante esibizione del biglietto
E-mail: museoarcheologico@comune.dorgali.nu.it
Sito web: www.museoarcheologicodorgali.it
Facebook: www.facebook.com/MuseoArcheologicoDorgali

Il museo
Il Museo è dedicato alle testimonianze archeologiche provenienti da varie località del territorio dorgalese.
Gli insediamenti più antichi, risalenti al III millennio a.C., sono rappresentati da utensili in ossidiana e selce.
Molto importanti per la storia di questo territorio sono i materiali del villaggio nuragico di Serra Orrios con i tempietti "a megaron": matrici di fusione in steatite per la forgiatura di punte di lancia in bronzo, lucerne, pintadere e vasi in terracotta. Altri siti contribuiscono a delineare il quadro di vita materiale della civiltà nuragica attraverso l'esposizione di ceramiche, monili in bronzo e in pasta vitrea, panelle di rame.
Anche le grotte del Dorgalese hanno restituito tracce di antica frequentazione umana, come testimoniano i monili d'argento, di pasta vitrea e bronzo di età fenicia, ritrovati a più di 100 metri di profondità nell'abisso delle Vergini della grotta di Ispinigoli.
Di particolare interesse sono i ritrovamenti subacquei lungo il litorale molto frequentato dalle navi romane, tra cui anfore, ancore in piombo, elementi di fasciame di nave, lingotti di piombo. Sempre all'età romana rimanda la copia del diploma bronzeo del mercenario sardo Tunila che combatté sotto le insegne dell'esercito imperiale.
L'età medioevale è anch'essa rappresentata da alcuni reperti.

Perché è importante visitarlo
Il museo offre una rappresentazione chiara della storia antica della Sardegna e in particolare del territorio di Dorgali. Il pezzo forte è la collezione di monete.

Servizi
Bookshop, laboratori didattico-educativi, visite guidate.
Le visite guidate comprendono: visite tematiche, visite didattiche per le scuole di ogni ordine e grado, visite guidate a pagamento, anche notturne, oltre gli orari di apertura. E' presente un punto vendita di riproduzioni di reperti, realizzate dagli artigiani di Dorgali.

Area Archeologica del Mannu
Area archeologica dell'Arvu
Area archeologica di Serra Orrios
Area archeologica di Tiscali

Galleria fotografica