Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  luoghi della cultura  ›  musei  ›  provincia di oristano  ›  cabras, civico museo archeologico "giovanni...

Cabras, Civico Museo Archeologico "Giovanni Marongiu"

Cabras, museo archeologico Cabras, museo archeologico
Informazioni
Indirizzo: via Tharros, Cabras; telefono/fax +39 0783 290636
Ente titolare: Comune di Cabras
Gestione: Cooperativa Penisola del Sinis, Cabras
Orari: 9.00-13.00 e 15.00-19.00 (orario invernale); 9.00-13.00 e 16.00-20.00 (orario estivo)
Biglietto
Intero singolo:
Area Archeologica Tharros € 5, Museo Civico Cabras € 5, Torre San Giovanni di Sinis € 3
Combinati:
Area Archeologica Tharros - Torre San Giovanni di Sinis € 6
Area Archeologica Tharros - Museo Civico di Cabras € 8
Area Archeologica Tharros - Museo Civico di Cabras - Torre San Giovanni di Sinis € 9
Ridotti comitive (minimo 20 persone) - over 65 - studenti fino a 26 anni con tesserino Area Archeologica Tharros € 4, Museo Civico Cabras € 4, Torre San Giovanni di Sinis € 2
Combinati:
Area Archeologica Tharros - Torre San Giovanni di Sinis € 5
Area Archeologica Tharros - Museo Civico di Cabras € 6
Area Archeologica Tharros - Museo Civico di Cabras - Torre San Giovanni di Sinis € 7
Ridotti scolaresche fino alla scuola secondaria di secondo grado - minori dai 6 ai 17 anni Area Archeologica Tharros € 4, Museo Civico Cabras € 4, Torre San Giovanni di Sinis € 2
Combinato:
Area Archeologica Tharros - Museo Civico di Cabras - Torre San Giovanni di Sinis € 5
Gratuito (bambini da 0 a 5 anni, portatori di handicap e accompagnatore per ogni visitatore diversamente abile - un insegnante per ogni gruppo da 1 a 15 alunni.
Sito web: www.penisoladelsinis.it
email: cooperativa@penisoladelsinis.it

Il museo
Il museo è dedicato all'esposizione di reperti archeologici provenienti dal territorio comunale di Cabras nella penisola del Sinis.
Il periodo prenuragico e nuragico è documentato dai materiali recuperati con lo scavo del villaggio di Cuccuru is Arrius che ha restituito significative testimonianze a partire dal Neolitico medio.
L'età storica è invece ben rappresentata da reperti provenienti dall'antica città di Tharros, costruita dai Fenici su un preesistente villaggio nuragico e ampliata in senso urbano in età punica e poi romana.
I materiali fenicio-punici esposti provengono dallo scavo del quartiere artigianale della città e dal tofet al quale riportano le urne e le stele in esposizione.
Il percorso museale è arricchito da pannelli didattici relativi alla mostra temporanea " in piscosissimo mari" .
Dal 7 Giugno del 2008 è stata inaugurata la sala dedicata al Relitto di Mal di Ventre.

Perché è importante visitarlo
Il museo raccoglie testimonianze che consentono di ricostruire la storia del territorio, in particolare di Tharros, una delle più antiche città in Sardegna.

Servizi
Esiste un servizio di visita guidata gratuita. Il museo organizza laboratori didattici di argomento archeologico e naturalistico per scuole di ogni ordine e grado, incontri di studio e convegni. È preferibile la prenotazione per la visita guidata dei gruppi e per i laboratori didattici. Non esistono barriere architettoniche.

Area archeologica di Tharros
Patrimonio culturale della Sardegna