Logo Regione Autonoma della Sardegna
I BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA
sardegnacultura  ›  luoghi della cultura  ›  musei  ›  provincia del medio campidano  ›  lunamatrona, museo del territorio "sa corona...

Lunamatrona, Museo del territorio "Sa Corona Arrubia"

Lunamatrona, museo del territorio Lunamatrona, museo del territorio
Informazioni
Indirizzo: loc. Sa Corona Arrúbia - sp Lunamatrona-Collinas
tel. +39 070 9341009 - 070 939387
Ente titolare: Consorzio Turistico Sa Corona Arrúbia
Gestione: Sa Corona Arrúbia Spa, che si avvale dei servizi della Cooperativa "Il Lichene Rosso" di Villamar
Orari: 9.00 - 13.00 e 15.00 - 19.00 (dal martedì al venerdì); 9.00 - 19.00 (sabato, domenica e festivi)
Biglietto: € 6 (intero), € 4 (ridotto, per bambini fino ai 6 anni e persone con più di 65 anni, gruppi e scolaresche con almeno 20 persone). Biglietto cumulativo (trasporto con seggiovia): € 8 (intero), € 6 (ridotto e gruppi)
sito internet: www.sacoronaspa.it
e-mail: museoterritoriale@tiscali.it

Il museo
Il Museo si trova tra le colline e i tavolati basaltici della Marmilla, ricoperti di licheni rossi, la cui colorazione ha ispirato la denominazione della località "Sa Corona Arrubia", nel Medio Campidano. È nato dalla scelta condivisa da alcuni Comuni, prima quattro, oggi venti, di unirsi in Consorzio per proporre un'offerta globale del territorio dal punto di vista delle risorse culturali e turistiche.
L'esposizione propone diverse sezioni tematiche, che illustrano gli aspetti botanici, faunistici, geologici e antropici del territorio. Suggestivi diorami, moderni strumenti di didattica museale, rappresentano tridimensionalmente spaccati del territorio, il bosco, gli altopiani delle giare, gli ambienti in cui l'uomo interagisce con la natura. La fedeltà delle riproduzioni permette di apprezzare gli ecosistemi e di coinvolgere i visitatori nelle attività didattiche museali.
La sezione botanica, la xiloteca, la collezione micologica e l'erbario sono presentati secondo una logica di efficace divulgazione che stimola lo spirito di osservazione di adulti e bambini.
Una parte del museo è dedicata ai "giocos antigas" (giochi antichi). Una collezione di circa duecento giocattoli tradizionali della Sardegna, realizzati a mano, è parte di un laboratorio didattico in cui animatori professionisti raccontano aneddotti in lingua sarda, insegnano a costruire i giocattoli in modo divertente e descrivono valori e ruoli nella vita quotidiana del passato.

Perché è importante visitarlo
La visita permette di approfondire la conoscenza della natura, attraverso i sussidi didattici disposti all'interno del museo e i percorsi didattici esterni tracciati nel grande parco geobotanico, in cui sono coltivate diverse specie vegetali di tutta l'area mediterranea e da cui si estraggono i profumi e le essenze esposte nei laboratori. L'ascesa in seggiovia consente di scoprire il territorio da una visuale diversa e di accedere al Parco dei monumenti megalitici che si trova nell'altopiano della giara di Siddi.

Servizi
Esiste un servizio di visita guidata compreso nel prezzo del biglietto. Sono fruibili una sala video e una sala conferenze, postazioni e prodotti multimediali. I laboratori didattici completano il percorso. Bookshop, punto ristoro, area pic-nic, dog parking, service camper e bar sono aperti. Non esistono barriere architettoniche. Si possono noleggiare audio guide multilingue, mountain bike, binocoli per birdwatching, videocamera e macchina fotografica digitale. Il museo predispone pacchetti turistici personalizzati, escursioni nel parco geobotanico anche con la macchina elettrica, nei siti archeologici, attività didattiche per adulti, bambini dai 3 ai 13 anni e per studenti sulla mediazione culturale del giocattolo, il mestiere del tassidermista, tecniche di costruzione di un erbario, il ciclo dell'olio. Il museo offre contatti per la visita ai siti di interesse culturale e ai musei del consorzio.
Patrimonio culturale della Sardegna