Immagine non disponibile

Luogosanto, Chiesa di San Leonardo

Come arrivare
Per raggiungere Luogosanto si percorre la SS 133 da Tempio Pausania verso Palau. Al km 22 si trova il bivio per il paese, raggiungibile dopo qualche km. Superato l'abitato si incontra il colle di San Leonardo, su cui sorge la chiesa omonima, cappella del castello di Balaiana, di cui a breve distanza si conservano i ruderi.

Contesto ambientale
I ruderi del castello si elevano su un affioramento di rocce granitiche, ricoperte da macchia mediterranea. Pochi metri a O delle strutture militari si trova la chiesa di San Leonardo, che ha dato il nome al colle.

Descrizione
La chiesa di San Leonardo aveva funzione di cappella del castello di Balaiana ed è uno dei più piccoli edifici romanici dell'isola. I motivi di interesse risiedono nell'organico e spettacolare inserimento nel paesaggio gallurese, e nel materiale costruttivo, il granito, utilizzato fra l'XI e il XIII secolo solo in poche chiese romaniche della Sardegna nordorientale.
La sua costruzione si colloca nel XII secolo. La struttura architettonica è molto semplice: aula a navata unica voltata a botte, abside semicircolare su cui poggia il catino. L'ingresso è collocato in uno dei fianchi della chiesa, quello S, accompagnato da una finestra molto stretta; un'altra finestra è situata al centro dell'abside, perfettamente orientata, mentre un'apertura cruciforme si trova nella parte alta del prospetto O. Un muretto è posto a protezione del lato O dell'edificio, interamente realizzato in granito, con il tetto a due falde in lastre di scisto. La tecnica costruttiva è costituita da una serie di filari orizzontali di blocchi più piccoli di quelli utilizzati per il castello e meno lavorati.

Galleria fotografica


Storia degli studi
Per la storia di Luogosanto si può far riferimento ad alcuni studi, fra cui quello di Antonio Murineddu, del 1962, e quello più recente di Mario Scampuddu, del 1996. Per il castello si rimanda al contributo nel volume di Foiso Fois "Castelli della Sardegna medioevale", del 1992. Per la chiesa di San Leonardo si veda la scheda nel volume di Roberto Coroneo sull'architettura romanica in Sardegna (1993).

Bibliografia
V. Angius, "Gallura", in G. Casalis Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, VII, Torino, G. Maspero, 1840, pp. 41-196;
A. Murineddu, "Luogosanto", in Gallura: aspetti storici, geografici ed economici, a cura di A. Murineddu, Cagliari, Fossataro, 1962, pp. 244-252;
F. Fois, Castelli della Sardegna medioevale, a cura di B. Fois, Cinisello Balsamo, Silvana, 1992, pp. 188-189;
M. Scampuddu, Paesi di Gallura: Luogosanto: storia e immagini, Sassari, EDES, 1996;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 62;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali, Cagliari, AV, 2005, pp. 36-37.