Ploaghe, chiesa di Sant'Antonio di Salvenero

Ploaghe, Chiesa di Sant'Antonio di Salvenero

Come arrivare
Si percorre da Sassari la SS 131 in direzione S, per svoltare dopo circa 16 Km in direzione di Florinas. Dopo alcune centinaia di metri si scorge la chiesa di Sant'Antonio Abate.

Il contesto ambientale
Il sito campestre, oggi interessato da impianti industriali, corrisponde al villaggio di Salvénero, abbandonato alla fine del Settecento. La chiesa sorge a poca distanza dall'abbazia benedettina di San Michele.

Descrizione
La chiesa di Sant'Antonio di Salvenero manca di attestazione documentaria.
In base alla realizzazione in opera bicroma, a filari alterni di calcare e pietra vulcanica, l'impianto mononavato con abside a SE è ascrivibile al primo quarto del XIII secolo.
Un rifacimento, forse di età aragonese, ha modificato il portale originario e ha aperto una finestra rettangolare nella facciata romanica, caratterizzata da forme molto semplici.
All'edificio sono accorpate due strutture settecentesche, che impediscono la vista dei fianchi.

Galleria fotografica


Vedi la pianta e le sezioni del monumento

Storia degli studi
La chiesa è menzionata da Vittorio Angius (1847), ma i primi importanti studi sono di Dionigi Scano (1907) e Raffaello Delogu (1953). Gli scritti più aggiornati sono di Renata Serra (1989) e di Roberto Coroneo (1993).

Bibliografia
V. Angius, voce "Ploaghe", in Goffredo Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il re di Sardegna, XV, Torino, G. Maspero, 1847, p. 456;
D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dall'XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, p. 227;
R. Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, p. 163;
M. Botteri, Guida alle chiese medievali della Sardegna, Sassari, Chiarella, 1978, p. 103;
R. Serra, La Sardegna, collana "Italia romanica", Milano, Jaca Book, 1989, p. 569;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 53;
R. Coroneo, Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico culturali, Cagliari, AV, 2005, p. 41.

elenco completo