Cagliari, torre dell'Elefante

Cagliari, Torri di San Pancrazio e dell'Elefante

Come arrivare
Le mura di Cagliari circondano per l'intero perimetro il quartiere storico di Castello, il più importante della città, e comprendono due torri integralmente superstiti: quella di San Pancrazio e quella dell'Elefante.

Il contesto ambientale
Cagliari è la città più importante della Sardegna. Nel suo territorio si concentra un terzo della popolazione sarda. Fondata fra l'VIII e il VII secolo a.C. dai Fenici, ha conosciuto importanti fasi di occupazione in età punica, romana, bizantina e giudicale, assurgendo nel XIV secolo a capitale del Regno di Sardegna. Passata dagli Aragonesi agli Spagnoli, quindi ai Piemontesi, conserva rilevanti tracce monumentali del suo passato. Fra queste sono le antiche torri e mura, che cingono Castello e dominano i quartieri storici di Villanova a E, di Stampace a O e della Marina a S.

Descrizione
Nei secoli precedenti il XIII, la città di Cagliari si era sviluppata fin dall'età fenicio-punica e romana con una serie di insediamenti a destinazione differenziata, lungo la linea di costa dalla zona del Fangario a capo Sant'Elia. In età bizantina l'abitato costiero era in forte regresso, a favore dell'accentramento della popolazione nel sito interno di Santa Igia, a ridosso della laguna occidentale, dove sorgevano la cattedrale di Santa Cecilia e la reggia dei giudici di Cagliari. Il colle di Castello, forse sede di un tempio in età precristiana, non era abitato.
L'urbanizzazione del colle risale al 1217, quando Benedetta de Lacon-Massa, giudicessa di Cagliari, dona a Lamberto Visconti il Castrum Calaris. Il luogo diventa sede della colonia pisana, con la chiesa di Santa Maria arroccata sul versante orientale. La distruzione della cittadella giudicale e vescovile di Santa Igia, operata dai Pisani nel 1258, segna non solo la fine del regno di Cagliari, ma anche il trasferimento del vescovo in Castello, per cui la chiesa di Santa Maria diviene cattedrale ed eredita il titolo dell'antica, dedicata a Santa Cecilia. Da questo momento le massime autorità religiose e civili risiederanno in Castello, sede (oltre che della cattedrale) anche dell'episcopio, dell'antico Palazzo di Città e del Palazzo regio, oggi sede della Provincia.
Pur modificato nei secoli del controllo da parte aragonese e spagnola, come pure in quelli del Regno di Sardegna prima e poi d'Italia, l'attuale quartiere cagliaritano di Castello ha mantenuto uno schema urbanistico a fuso, caratteristico delle città di impianto comunale toscano. La planimetria si articola a tre vie parallele: la "ruga mercatorum", oggi via La Marmora; la "ruga marinariorum", via Canelles; la "ruga fabrorum", via Martini. Queste vie erano, come oggi, connesse da traverse e confluenti a N e a S della città.
Nei primi anni del Trecento, paventando l'imminente attacco catalano a seguito della concessione del "Regnum Sardiniae" a Giacomo II re d'Aragona, i Pisani rafforzarono la cinta muraria sotto la direzione dell'architetto Giovanni Capula. Le possenti mura furono costruite in cantoni provenienti dal colle cagliaritano di Bonaria e dotate di torri con pianta a L o circolare. Sopravvivono integre la torre di San Pancrazio a NE, con epigrafe che la dice edificata nel 1305, e la torre dell'Elefante a SO, datata epigraficamente 1307. Le mura erano difese anche da altre torri, una delle quali, la torre dell'Aquila, oggi è incorporata nel palazzo Boyl.
Le mura sono sempre state subordinate alla funzione difensiva, quindi legate all'evoluzione militare che apportò variazioni alla loro struttura. Fino a quando nell'Ottocento furono sempre meno utili a scopi militari, tuttavia non interferendo con lo sviluppo moderno della città, pianificato ai piedi del Castello. Anche per questo, mura e torri sono state solo parzialmente abbattute, giungendo relativamente integre fino ai giorni nostri.

Galleria fotografica


Vedi la pianta e le sezioni del monumento

Storia degli studi
A partire dalla voce curata da Vittorio Angius (1836) per il "Dizionario" del Casalis, gli studi sulla città di Cagliari sono stati numerosi. Il canonico Giovanni Spano (1861) la descrive nella sua "Guida", ancora oggi fondamentale per la conoscenza del centro storico. Nel Novecento Dionigi Scano (1907), poi Raimondo Carta Raspi (1933) suggeriscono una metodologia di studio, che prosegue nel dopoguerra con Angela Terrosu Asole (1959). Evandro Putzulu (1976) approfondisce il problema delle origini dell'insediamento nel Castello. Renata Serra (1976) dedica la sua attenzione a Giovanni Capula, architetto delle due torri superstiti. Le ricerche più aggiornate vengono condotte negli anni Ottanta a Franco Masala (1985), Emerenziana Usai e Raimondo Zucca (1986), Foiso Fois (1992), Roberto Coroneo (1993) e Marco Cadinu (2001).

Bibliografia
V. Angius, voce "Cagliari", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il re di Sardegna, III, Torino, G. Maspero, 1836, p. 106;
G. Spano, Guida della città e dintorni di Cagliari, Cagliari, A. Timon, 1861, p. 9;
D. Scano, Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo, Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, pp. 345-380;
R. Carta Raspi, Castelli medioevali in Sardegna, Cagliari, 1933, pp. 22-33;
A. Terrosu Asole, "Cagliari. Ricerche di geografia urbana", in Studi Sardi, XVI, 1958-59, pp. 429-558;
E. Putzulu, "Il problema delle origini del Castellum Castri de Calleri", in Archivio Storico Sardo, XXX, 1976, pp. 91-146;
R. Serra, voce "Capula", in Dizionario Biografico degli Italiani, XIX, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1976, pp. 272-273;
F. Masala, "La cinta fortificata, le torri, i bastioni", in Cagliari, Quartieri storici, Cinisello Balsamo, Amilcare Pizzi, 1985, p. 14;
E. Usai-R. Zucca, "Testimonianze archeologiche nell'area di Santa Gilla dal periodo punico all'epoca altomedievale (contributo alla ricostruzione della topografia di Carales)" in S. Igia, capitale giudicale. Atti del Convegno "Storia, ambiente fisico e insediamenti umani nel territorio di S. Gilla", Pisa, ETS, 1986, pp. 155-201;
F. Fois, Castelli della Sardegna medioevale, Cinisello Balsamo, Amilcare Pizzi, 1992, pp. 32-40;
R. Coroneo, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 171;
M. Cadinu, Urbanistica medievale in Sardegna, Roma, 2001.