La letteratura in lingua sarda

Fino a qualche anno fa era possibile sostenere che una letteratura "in limba" non fosse mai esistita. Oggi la moderna ricerca scientifica ha aggiornato i suoi strumenti di indagine e possiamo affermare che una letteratura si sia sviluppata in Sardegna così come in tutte le altre regioni d'Europa.

Architettura tardoantica

Gli scavi archeologici in diverse aree delle città costiere caratterizzate da una lunga storia urbana hanno riportato alla luce chiese a impianto longitudinale e battisteri, che non sembrano però anteriori al V secolo. È il caso, fra gli altri, delle basiliche di Cornus, Tharros, Nora e Porto Torres, edifici tipologicamente tardoantichi con una datazione non successiva al VII secolo.

Semestene, chiesa romanica di San Nicola di Trullas, post 1113

I Condaghi

I Condaghi, elaborati fra l'XI e il XIII secolo, sono fra le prime testimonianze del volgare sardo. Si tratta di manoscritti su pergamena, con documenti relativi a donazioni e a patrimoni di chiese o comunità religiose.

Giuseppe Biasi, Mangianu in una bidda sarda

Variedades logudoresas

Is variedades logudoresas de sa limba sarda, pro annos e annòrios, sunt istadas apretziadas dae is istudiosos comente cuddas prus caraterìsticas e cunservativas cunforma a su latinu. Is resurtos de is labiovelares ("limba" in tames de "lingua", "abba" in tames de "acua") e de is oclusivas, e puru su tratamentu morfològicu e lessicale ant cunfirmadu a s'ispissu custa tesi.