Chiese e fortificazioni della Sardegna bizantina

In assenza di fonti documentarie, si può ipotizzare che la Sardegna abbia condiviso solo in parte la profonda crisi politica, sociale ed economica, alla quale l'impero romano va incontro a partire dal III sec. d.C.

Particulare de una carta de su de XVI sèculos

Sa cartografia de sa Sardigna dae su 1400 a su 1600

In su Batorghentos creschet su desvilupu iscientìficu de sa cartografia cun sos istùdios umanìsticos subra s'òpera de Tolomeu, e s'imbentu de s'imprenta los at isparghinados. Su modellu rapresentadu in s'òpera sua at cunditzionadu sos cartògrafos rinascimentales e sos corògrafos sardos de su ‘500, Sigismondu Arquer e Giuanne Frantziscu Fara.

La Sardegna in una carta del XVII secolo

XVII secolo: la geografia accademica

La cartografia del '600 vede affermarsi la "geografia accademica" di Philip Cluver, completamente diversa dalla razionalità scientifica di Mercatore. L'applicazione di questo metodo ha dimostrato come la ricostruzione delle condizioni geografiche di età passate non sia possibile senza l'osservazione diretta del presente.

Filipu Figari, Su fastìgiu, 1912-1914

Giusepe Biasi e Filipu Fìgari

In una Sardigna chi, a s'incràs de sa prima gherra mundiale, at a b'dere torra a manera drammàtica s'allumada de su problema de s'autonomia regionale, in s'àmbitu de sa situatzione de contierra non prus intre pòpulos ma intre classes, destinada a nche giùghere s'Itàlia a su regime fascista, bi sunt sos pintores Giusepe Biasi e Filipu Fìgari.